Primo Post del Nuovo Blog

Che dire…Splinder ci lascia e sono costretto ad adeguarmi. Dopo una ponderata riflessione ho scelto di migrare qui, su WordPress, che è l’unica piattaforma su cui sono riuscito ad esportare l’archivio…Blogger di merda….

Magari ci ricomincio a scrivere un po’.

Magari anche no.

Annunci

Di nuovo sul treno per Roma, come diceva uno che non mi ricordo, "la cosa più bella di Milano". Il viaggio promette male: leggero ritardo, sosta a Rogoredo, il bar della stazione ha finito le ceres e al mio posto, tra l'altro uno di quelli belli senza vicino, un posto singolo in frecciarossa, c'è una tipa con l'iPad.
"Scusi, credo quello sia il mio posto". Guarda il 15, altro singolo dall'altro lato della carrozza.
"Non può provare quello che è vuoto, vero? Vuole proprio questo…"
La guardo gelido, convinto che abbia anche la Smart, oltre all'iPad, reprimendo l'istinto di colpirla fortissimo con la borsa nella quale ho nell'ordine una cartellina, un ombrello, un pc portatile, un mazzo di chiavi e una bottiglia di becks. Mi trattengo solo per salvare la becks.
"Beh, se arriva il proprietario di quello non voglio alzarmi io".
Per cattiveria una volta accomodatomi le chiedo di guardarmi la roba, che devo andare a pisciare. Torno che ovviamente parla al cellulare dei cazzi suoi a voce altissima, non sia mai che  qualcuno possa non voler sapere che una sua amica che si è lasciata con il tipo usa la sua crisi passata per curare la propria. Penso che se bevo la becks forse dopo posso colpirla con la bottiglia.
Mi siedo e mi viene in mente che dopo una decina di volte che sono salito a Milano la conoscenza che ne ho è limitata a: stazioni Centrale e Porta Garibaldi con i rispettivi rivenditori di alcoolici, il sedile posteriore di un paio di dozzine di taxi, i peggiori bar che ho trovato nei dintorni degli alberghi in cui ho dormito, la metropolitana, un paio di locali carissimi e qualche ristorante sopravvalutato e arredato in maniera imbarazzante.
Lo skyline che ho in mente sono i cantieri dei grattacieli che stanno costruendo per l'expo. Per dire: il Colosseo, il Taj Mahal e i grattacieli dell expo..
La cosa migliore di MIlano è il treno per Roma, se sono da solo, che posso far finta di lavorare con la chiavetta aziendale, rispondendo a un paio di mail, ma ho un po'di tempo per scrivere, che qui su 'sto blog non ci scrivo praticamente più. Ah, mi dice un mio amico che splinder chiude, da gennaio. Dice che "freezano" i blog e fanno un redirect. Spero non sia pericoloso né contagioso. Però prima o poi dovevano prendere atto del fatto che se non scrivo più sul blog possono anche chiuderlo 'sto cazzo di splinder. Io intanto mi organizzo per un nuovo blog su cui non scrivere.
 
Ah, Davide, nel caso in galleria non avesse preso il cellulare, lei arriva per le novemmezzadiecimenunquartodieci, se non la ammazzo a bottigliate io prima di FIrenze.

SCIAKALLAGGIO E FEDE




Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Table Normal”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

Per avere successo nella vita ci vuole un cervello sveglio, una botta di culo e saper trasformare in opportunità gli eventi e le situazioni che ti capitano. E’ quello che ha fatto ad esempio Jerry Zuckenberg, fondatore di Facebook, che ha sfruttato il fatto di essere un nerd con serissimi problemi a procurarsi della pheega in maniera tradizionale e ha ideato un sistema per permettere anche ai peggiori alienati di rimediare qualche maniglione o nel migliore dei casi persino, che ne so, un ciuccione di quelli seri.

E’ per questo che vi annuncio (non)ufficialmente che dopo aver visto il pellegrinaggio di curiosi sui luoghi in cui si è consumata la tragedia di Sarah Scazzi e sfruttando il fatto che Avetrana è in Puglia, quindi non lontanissimo da San Giovanni Rotondo, ho fondato la “Siakallaggio e Fede Snc” (prego notare la k per attirare la clientela under 30). Si pensava di organizzare dei pellegrinaggi/gite di uno o più giorni con la convenientissima formula “Padre Pio e Sarah Scazzi: due cadaveri al prezzo di uno”. Partenza classica in pullman alle 4 di mattina dai luoghi peggio frequentati delle vostre città, ci si immette nell’autostrada e si fa anche la garetta con il primo camionista rumeno ubriaco che si incontra (abbiamo la convenzione con mio cognato che vende macchinette fotografiche usa e getta sui luoghi degli incidenti stradali, abbiate pazienza). Durante il viaggio verranno proiettati simpatici filmati di lapidazioni commentate dai comici di Zelig.

Una volta arrivati ad Avetrana dice c’è da sgomitare un po’ per arrivare al “Garage degli Orrori®”, ma ho un ex collega nella protezione civile e ci fa fare il giro lui da dietro. In loco sarà possibile acquistare delle simpatiche riproduzioni della corda con cui è stata strangolata Sarah e fare delle foto con i bambini insieme all’altra figlia di Misseri per l’occasione vestita da pagliaccio Pogo.

La seconda tappa del viaggio sarà al cimitero dove verrà effettuata appositamente per voi una simpatica riesumazione del corpo. Purtroppo non sarà possibile abusare del cadavere, ma se il custode è distratto una palpatina si riesce a dare.

Dopo aver visto la salma pausa pranzo e si riparte per San Giovanni Rotondo, non prima di aver fatto una visita al “Pozzo degli Orrori®”. Lì c’è un chioschetto dove hanno delle deliziose bamboline di Sarah gonfia livida dalla permanenza in acqua con la cordicella che la tiri e si sente la vocetta “Nooo Ziooo cosa mi faiiii” con la voce di Topo Gigio.

Pernottamento a San Giovanni Rotondo e il mattino seguente visita alla tomba di Padre Pio, con ostensione del cadavere. Per abusare di questo di cadavere ci vuole il permesso della Curia, non ce l’hanno dato ma ci stiamo lavorando.

Ripartenza dopo pranzo e viaggio di ritorno con simpatico spettacolino di Barbara D’Urso e Federica Sciarelli che si producono nel famoso numero della sparizione del femore umano.

 


TERRORISMO MEDIATICO

* *

Il fatto citato in questo servizio, a chiunque abbia un minimo di sale in zucca appare per quello che è: una vivace ma civilissima contestazione a un sindacato che in questi ultimi tempi, diciamo una ventina d’anni, ha avuto atteggiamenti e posizioni a dir poco discutibili relativamente a concessioni richieste e fatte ai cosiddetti "padroni".

Piccola premessa: quando Enrico Mentana ha preso la direzione del TG7, in giro, negli ambienti della cosiddetta opposizione, il tono dei commenti era più o meno unanime: pompini a vicenda e al riccioluto neo-direttore.

http://www.agoravox.it/Superchicco-Mentana-e-il-suo.html

(un esempio sufficiente a dare l’idea).

Bene, io sinceramente trovo che Mentana abbia trasformato un buon tg come lo era il TG7 in una vetrina personale in cui il conduttore, lui stesso, snocciola perle di banalità e qualunquismo sconcertanti a commento di ogni notizia che cita, al punto che il tempo occupato dai suoi sermoni da parroco grosso modo è lo stesso occupato dai servizi in cui si danno le notizie.

Detto questo, torniamo alla contestazione alla CISL. Mentana, non unico, ha parlato di "violenza" riferendosi alla contestazione di ieri, si sono sentiti toni da anni di piombo, Sacconi (uno che se non ci fosse bisognerebbe inventare un modo per evitare che possano inventarlo) ha parlato di "terrorismo" e così via. Hanno dato degli "squadristi" ai contestatori, si è parlato di clima d’odio e così via.

A questo punto chiedo aiuto, visto che evidentemente sono io che utilizzo male i termini. Se accendere due fumogeni e tirare due uova significa fare "violenza", ripempire di manganellate gli operai di Pomigliano, di Melfi e di tante altre realtà in lotta contro le porcate attuate dai signori con cui Bonanni firma accordi separati contro la CGIL e la FIOM cosa sarebbe? Se chi contesta animatamente ma civilmente un sindacato che non fa il suo lavoro (mo’ non voglio fare l’elogio della CGIL perchè anche là ce ne sarebbero di cose da discutere, ma c’è comunque un limite della decenza) è uno "squadrista" chi manda i suoi sbirri a picchiare gli operai che difendono il proprio posto di lavoro cosa sarebbe?

No, perchè se vogliamo usare termini corretti, a casa mia uno come Mentana sarebbe un CAZZARO IPOCRITA, uno come Marchionne uno SCHIFOSO SFRUTTATORE e Bonanni semplicemente uno STRONZO.

Ooohhhh…..e ce l’avevo qui da ieri sera…..

* *

MA CE VOLE TANTO?

Ma veramente le ho capite solo io le parole di Ciarrapico?

**

A parte che parla come Aldo Fabrizi in "C’eravamo tanto amati", a me sembra che il senso sia inequivocabile. Ieri sentivo Mentana, l’alfiere dell’informazione di qualità secondo molti (troppi, trovo che sia uno squallido moralista e qualunquista da quattro soldi) lanciarsi in ardite tesi, tipo "solo insulti antisemiti o alludeva a presunti interventi stranieri?".

Ma cazzo, usare un po’ di logica no? Ciarrapico è Fascista Dichiarato, è ovvio che quando parla di "traditori" e "rinnegati" si riferisce al tradimento di quell’ideale (oddio, vabè, dai per semplificare) e quando nomina la kippah allude al fatto che FIni la indossava allo Yad Vashem quando definì il fascismo "male assoluto" (peccato però che ancora citi Almirante, lo stronzetto), ovvero quando si consumò il suddetto tradimento.

Non mi pare tanto difficile, no?

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Table Normal”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin:0cm;
mso-para-margin-bottom:.0001pt;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

*****

Già che ci sono, vi segnalo che ha riaperto al pubblico Siberiaonline, è già pieno di cazzate, in un paio ci ho anche messo del mio.


**