#Bruxelles #StopIslam e Fallaci, facciamo questo gioco

fallaci2

Dopo gli attentati di Bruxelles fioccano i commenti tipo “la Fallaci aveva ragione”, sparati anche da Giornali ed esimi commentatori, che insistono nel dire che la Fallaci era una Profetessa, e non, come credo io, una ex brava giornalista e scrittrice che in vecchiaia era diventata una vecchia stronza razzista e astiosa.

Ma facciamolo ‘sto giochetto: facciamo finta che la Fallaci avesse ragione. Facciamo finta che veramente l’Islam, invece che un cumulo di stronzate senza senso utili a comandare gente ignorante (come ogni altra religione), sia un’ideologia aggressiva e malvagia, che ogni credente in questa religione sia una persona che ci odia (poi “ci” chi? boh…) e che vorrebbe conquistare e devastare l’occidente, sterminandoci e colonizzandoci.

Allora che si fa?

Limitiamoci a quella che la Orianona chiamava Eurabia (con grande eleganza e nessun razzismo, eh) e partiamo dal presupposto che in Europa ci sono circa 53 milioni di musulmani, 16 nella sola UE.

Quindi avremmo 53 milioni di fanatici assassini che vivono nei nostri paesi e che fra una pizza e una cassetta di frutta stanno pianificando lo sterminio degli europei.

Beh, la risposta è ovvia: o li fai fuori o li cacci.

Quindi si tratterebbe di sterminare o quanto meno deportare 53 milioni di persone. Eliminarli dall’Europa (oddio, mi ricorda qualcosa, mo non mi viene in mente).

Però non è finita qui. Perchè se i musulmani che sono in Europa sono 53 milioni, ce ne sono anche 1,6 miliardi in giro per il mondo, che secondo la teoria che stiamo prendendo per buona vogliono sterminarci e tramano per invadere l’Europa e sicuramente non prenderebbero bene l’uccisione o la deportazione di 53 milioni di loro confratelli.

 

Poi, se non li vuoi ammazzare ma li vuoi deportare, dove li mandi? A casa loro! Però se li mandi dove comandano loro non risolvi il problema, semplicemente per sterminarti e conquistarti devono partire da più lontano come si usava una volta.

Quindi che fare per tutelarci? Facile. Invadi e ricolonizzi tutti i paesi a maggioranza islamica, così puoi prima deportarci i famosi 53 milioni di prima. Poi o trovi il modo di estirpare il morbo e far abbandonare a tutti questa nefasta ideologia, oppure devi fare fuori anche gli altri.

Quindi nella peggiore delle ipotesi si parla di una guerra mondiale fatta dai paesi “occidentali” (poi quali? la NATO? Russia e USA?) con lo scopo di uccidere 1,6 miliardi di persone. Una guerra che coinvolgendo anche paesi a maggioranza islamica con eserciti molto potenti, o addirittura dotati di armi nucleari come il Pakistan comporterebbe la morte di molta gente anche dalla parte “nostra, diciamo che se non si fanno rodere il culo anche i Cinesi con due-tre miliardi di morti ce la dovremmo cavare.

Ecco, è questo di cui si parla quando qualcuno se ne esce con “la Fallaci aveva ragione”.

Non che io abbia nulla in contrario nell’uccidere tre miliardi di persone, per come la vedo io sono anche pochi, è il criterio di selezione che mi convince poco…io partirei che ne so, dai casting del Grande Fratello o dai possessori di Crocs.

Annunci

EMULAZIONE

Devo dire che se c’è un motivo per cui l’invenzione e la diffusione di Internet tutto sommato può essere definita come uno degli ultimi colpi di coda del progresso umano è il fatto che permette di scovare, in mezzo comunque a un mare di stronzate, autentiche perle come questa.

* *

In meno di due minuti spiega meglio di un testo universitario il perchè di tante cose: perchè le religioni sono così diffuse, perchè perdurano certi pregiudizi, basta pensare all’ennesima polemica sui rom, perchè bene o male tutti seguono determinati modelli relativamente ai consumi e al proprio stile di vita.

Le uniche cose che non riesce a spiegare sono i Modà e come i cerebrolesi che guardano e partecipano a X Factor non si rendano conto di quanto Elio li stia pigliando per il culo.

NUN JE DA' RETTA ROMA…

* *

Stamane ho avuto modo di assistere all’ennesimo esempio di falsificazione della realtà a mezzo stampa (oddio calcolando che sto a parla’ di Leggo "stampa" è una parola un po’ forte, mi rendo conto…).

Le notizie sono queste due:

Attacchi ai cristiani, 14 morti in Kashmir.

Ohibò, finalmente! No, vabbè, scherzi a parte, leggendo il titolo uno capisce che 14 cristiani sono stati uccisi in Kashmir, giusto? Poi ti vai a leggere l’articolo e, sorpresa!

"
Almeno 14 persone sono state uccise negli scontri con la polizia, oltre un centinaio i feriti e gravissimi danni a edifici e proprietà governative. Una scuola privata appartenente a una chiesa missionaria protestante nel distretto di Baramulla è stata data alle fiamme stamattina da una folla inferocita che ha «impedito ai vigili del fuoco di raggiungere l’edificio di legno» come ha riferito l’agenzia cattolica Asianews."

Un po’diverso, no? Ci sono state proteste a cui sono seguiti scontri con la polizia in cui sono morti 14 manifestanti, contestualmente a queste proteste una scuola è stata data alle fiamme. Che è un po’diverso da una folla di fanatici che cerca di Ruandizzare il Kashmir aprendo la caccia al Cristiano (attività peraltro meritevole di essere inserita fra le discipline olimpiche).
Poi uno dice, ma vabbè, te te vai a legge quei giornalacci…a parte che quei giornalacci sono la robaccia più letta sui mezzi pubblici delle principali città italiane, non è che Repubblica e gli altri siano tanto meglio, provate a fare un giro. (Fanno eccezione come sempre il Manifesto e, ammetto che mi ha sorpreso, il Fatto).

Altra notiziuola buttata là sembra apposta per dare un’immagine fuorviante della realtà:

"Le pulizie? No,grazie, preferisco il marciapiede"

"
Romene, ragazze madri, di circa 23 anni, con un guadagno mensile tra i 5.000 e i 7.000 euro al mese e un livello culturale medio. Arrivano in Italia grazie al passaparola delle amiche e ci restano in media 2 anni, ma qui spesso rifiutano lavori da mille euro al mese come quello della colf. Alcune di loro aspirano ad iscriversi all’università del proprio Paese. Questo l’identikit delle lucciole a Roma, secondo quanto emerge da uno studio sulla prostituzione condotto dalle psicologhe della Questura di Roma.
Le interviste informative, a cui le prostitute consenzienti sono state sottoposte
, hanno evidenziato che nella maggior parte dei casi i figli delle squillo sono affidati alle famiglie d’origine, che vivono in Romania. In media restano in Italia due anni, con l’obiettivo di tornare nel proprio Paese, dove alcune di loro vorrebbero poi iscriversi all’università. I parenti, che ricevono benefici economici, in numerosi casi non sanno della loro vera attività svolta in Italia. Loro non hanno la percezione del rischio a cui si espongono: non hanno paura di contrarre malattie, nè di incappare in clienti violenti. Le intervistate non smetterebbero di prostituirsi, se non per un’attività più redditizia, e comunque non nell’immediatezza. In pochi casi emerge una condizione di sfruttamento. Qualcuna ha detto di essersi già prostituita in Spagna o di aver comunque lavorato in locali a luci rosse in Germania o in altri Paesi europei. "


Beh, mi sembra affidabile come ricerca. Tranquilli, continuate pure ad andare a puttane, tanto alle rumene je piace…so’ tutte un po’ mignotte. Complimenti anche alla Questura.

ROSARNO, BANLIEUE ITALIA


In Calabria i negri si picchiano con i terroni, poi i terroni sparano ai negri. Inizialmente ho pensato fosse un nuovo canale porno del digitale terrestre per leghisti, poi ho visto che era il TG3 delle 19. Comunque immagino Cota e Calderoli che ce l’hanno più duro del solito a vedere ‘sta roba…
Saviano fa notare giustamente che i criminali i problemi con la ‘ndrangheta li discutono attorno ad un tavolo, questi sono gli unici che hanno avuto il coraggio di metterci la faccia (e il corpo) e di fare un po’ di casino, come a Castel Volturno, invece di baciarci le mani a Zu’ Tanu. Poi non resiste alla tentazione di dire una cazzata, gli capita, checchè ne dica Fazio.
"Certo, i metodi sono discutibili…"

Discutibili un cazzo.

Li sfruttano come schiavi, li trattano come bestie, li fanno vivere come topi nelle discariche e nelle fabbriche abbandonate. Per non fare loro mancare niente gli sparano anche addosso.
Alle spalle del bravo cronista che racconta la preoccupazione e la paura della Brava Gente del Paese si accalcano cialtroni sorridenti che si danno di gomito perchè sono in TV, ma la notizia che due clandestini sono stati gambizzati a colpi di lupara è ancora da verificare.
Intanto il Comune del Paese della Brava Gente del Paese rimane commissariato per le infiltrazioni ‘ndranghetiste nell’Amministrazione democraticamente eletta.

Dovrebbero farci le decorazioni natalizie con le budella della Brava Gente*.

Discutibili un cazzo.

* Non solo di Rosarno, a me la Brava Gente sta sul cazzo tutta. Meglio le cattive compagnie.

IL VIAGRA DÀ ALLA TESTA (specie a quelle di c…)


**

Ieri, al Lido di Milano, si è conclusa la festa del PdL, con il comizio finale di un sempre lucidissimo Berlusconi, che in totale overdose da Viagra ha tirato fuori il peggio di sé, o almeno, il peggio che può tirare fuori in pubblico.

Particolarmente gustoso è stato l’attacco contro l’opposizione che “brucia in piazza le sagome dei nostri soldati, che inneggia a meno sei, che brucia la bandiera americana, che brucia la bandiera di Israele…”.
Giuro su dio che se vedo Franceschini bruciare una bandiera degli USA mi faccio la tessera. E credo che in vita sua Rutelli abbia bruciato al massimo una bandiera del PD…

Berlusconi ha anche sentito il bisogno di ribadire una delle sue uscitacce più vergognose, portando di ritorno dagli USA a una platea adorante, che come ci ha mostrato il Tg2 era ricca di vecchie eccitate come zitelle a una festa di addio al nubilato, i saluti di “uno abbronzato e della moglie, che non ci crederete, è abbronzata anche lei”. Perché per lui continua a non esserci nulla di male nel dire questa cosa.

Ora sappiamo che se Obama un giorno nominerà “un nano maniaco sessuale” non starà parlando di Roman Polanski.

(Comunque Polanski ha già fatto sapere che ha incontrato la minorenne sempre in presenza dei genitori di Noemi Letizia.)

Ah, breve chiosa cinica per Polanski, tanto per meritarmi qualche altro metro quadro di inferno.
Un Tg iniziava il servizio sul recente arresto del regista dicendo: “Brutta sorpresa per Roman Polanski”. Beh, c’è da dire che, poveraccio, ha avuto sorprese ben peggiori


*****


Vabè, basta cazzate e cattiverie, oggi per concludere vi dono due pezzi grandiosi, e non dite che non sono buono:

**

**

LE COSE CHE NON SOPPORTO – Seconda parte



Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Table Normal”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}



 

Non sopporto i panini tagliati solo fino a un certo punto. Ho capito che in un bar ha un senso, per far sembrare che dal lato dal quale lo vedi sembri imbottito il doppio, ma se porcaccioiddio vado al forno, e gli chiedo di darmi una rosetta aperta sarà mica perché IO la devo riempire e quindi ci metto quanta imbottitura mi pare senza dover far finta che ce ne sia il doppio? E allora che cazzo lo tagli solo a metà il panino?

Non sopporto chi prova ad entrare in metropolitana passando attraverso la gente che cerca di scendere dal vagone. Gomito alto, direzione sterno. Tipo blocco in area sul calcio d’angolo.

Non sopporto quelli che vogliono chiacchierare del più e del meno, in virtù del fatto che magari siamo colleghi e manca la luce quindi non possiamo lavorare, o in virtù del fatto che non ci conosciamo ma siamo nello stesso posto con del tempo da perdere, che ne so, in fila alla posta o dal medico. Ho le cuffie, sto leggendo, se vorrò sapere qualcosa della tua vita di merda o se sarò improvvisamente e immotivatamente curioso di conoscere la tua opinione su un qualsivoglia argomento te lo chiederò.

Non sopporto questa afa del cazzo.

Non sopporto di vedermi circondato da gente che legge i giornali gratuiti

Non sopporto di vedere tanta gente leggere l’ultimo caso letterario, per non parlare di quelli che leggono libri di merda, vecchi, ma di merda. E nessuno di questi ha mai letto “Per chi suona la campana” o “I fratelli Karamazov”.

Non sopporto questa moda del cazzo di portare i pantaloni abbassati fino al buco del culo e il cavallo che arriva alle ginocchia. Ma ce la fai a camminare? E a correre? Ringrazia il tuo dio (del gel, immagino) che non ho un toro da liberare perché ti rincorra, testa di cazzo.

Non sopporto la consapevolezza che questa lista potrebbe durare all’infinito. Non credo di poterne uscire vivo.

Non sopporto di avere cose in comune con Calderoli, anche se parliamo di una piccola parte del codice genetico, credo meno di quella che ho in comune con la scimmia del 1240 o quello che è.

Non sopporto Capezzone.

Non sopporto che abbiano messo tutti quegli schermi nelle stazioni della metro, sui quali scorrono pubbilicità e cazzate, alternate a cazzate e pubblicità, con l’audio a un volume talmente alto da riuscire a disturbarmi anche se ho le cuffiette.

Non sopporto gli stupidi. Quindi nessuno si senta escluso.

Non sopporto chi vuole mettere bavagli, a meno che non sia per far tacere Gasparri una volta per tutte.

Non sopporto l’esaltazione della mediocrità che viene fatta da un po’di tempo a questa parte nel mondo della cultura e dello spettacolo. Forrest Gump andava abortito. Arisa…ma che è ritardata? Autisica? O solo deficiente? Moccia andrebbe affogato sotto a Ponte Milvio, tenuto sul fondo dai suoi lucchetti del cazzo.

Non sopporto di dover essere informato su ogni cazzata che dice il Papa. Se volessi sapere cosa ne pensa un vecchio ricchione su un qualsiasi argomento telefonerei a Zeffirelli.

Non sopporto chi dice che “gli Italiani danno il meglio di loro stessi nei momenti di crisi. Sì, come no…

Non sopporto l’andazzo che ha preso il ciclismo negli ultimi anni. Vorrei facessero una regola per cui i corridori fossero obbligati a non aspettare l’ultimo strappo facendo lavorare solo le squadre, ma ad attaccare già dalla seconda salita. Altrimenti liberiamo gli orsi.


EVOLUZIONE

Come diceva Bill Hicks buonanima in un suo spettacolo, è curioso come in certe parti del mondo ci siano persone che protestano al grido di “Revolution, Revolution” e “We want our rights” (“Rivoluzione” e “Vogliamo i nostri diritti”), mentre in altre zone, quelle più rurali, meno sviluppate lo facciano al grido di “Evolution, Evolution”“We want our thumbs” (“Evoluzione” e “Noi vogliamo i nostri pollici”). Per chi non lo sapesse il pollice opponibile è una delle caratteristiche che distinguono dai primati l’homo sapiens, se non sapete di che parlo potrete trovare in Tennessee il vostro luogo ideale per vivere.

Una delle cose che differenzia un posto culturalmente sottosviluppato come l’Italia da un posto culturalmente sottosviluppato come il Tennessee è la diffusione e il mito delle armi. Perché si può essere sottosviluppati allo stesso livello ma non allo stesso modo, che ne so, cannibalismo in un’area e incesto diffuso nell’altra. Chiedere una società di cannibali incestuosi sarebbe troppo, anche se secondo me da qualche parte in Tennessee…
Fortunatamente il nostro Governo, che in tema di sottosviluppati ha da insegnare persino ai quadrumani della Truchia sta compiendo passi per avvicinarci a quel tipo di sottosviluppo, che manca nel panorama del degrado culturale italiano. Mi riferisco alle norme sulla caccia che la Lega ha riproposto a sorpresa dopo che erano state cassate dalla stessa maggioranza e che verranno votate oggi al Parlamento. Io sono assolutamente d’accordo con la norma che permette ai sedicenni di avere un fucile. Anzi, credo che dovrebbe essere obbligatorio per i minorenni, dai 13 anni in su avere un’arma. Immaginate solo quanti idioti ci leveremmo di torno calcolando quelli che riuscirebbero a spararsi da soli, aggiungeteci quelli che si sparerebbero a vicenda… Certo, magari ci andrebe di mezzo anche qualche innocente, ma anche fra quelli la quota di idioti fatti fuori giustificherebbe ampiamente le perdite fra gli altri. Poi attendiamo con ansia le norme per favorire il cannibalismo, visto che anche sull’incesto ci si sta già organizzando, mentre su razzismo e pulizia etnica stiamo già un pezzo avanti con il lavoro.

Sempre parlando di Evoluzione e Rivoluzione, sono solo io a ricordarmi che quando ero pischello e andavo alle manifestazioni del movimento studentesco il mandato delle guardie era di “Non rispondere alle provocazioni”? C’era da una parte qualcuno che tirava un paio di bocce, innocue visto che i celerino hanno casco, tute imbottite, scudi e quant’altro, al massimo qualche guardia ritirava indietro quelle che non si erano rotte, ci si fronteggiava e non c’era nessuna carica a meno che non si provasse a forzare il blocco. Io non mi ricordo, ma magari sono io, il sistematico ricorso alle cariche che da qualche anno a questa parte si sta facendo anche in assenza di vere azioni di forza da parte dei manifestanti. Non parlo solo degli studenti, vi ricordate anche gli operai a Melfi e altrove? Qua fra un po’caricheranno anche le processioni della via crucis del Venrdì Santo perché intralciano il traffico… Ora che ci penso DOVREBBERO caricare le processioni…

(se volete vedere gli spettacoli di Bill Hicks o di altri stand-up comedians statunitensi scaricateli da Comedysubs
e o guardateli su Youtube, ve li consiglio caldamente)