HEAVEN IS A PLACE ON EARTH

“Il paradiso è un posto sulla terra”, recitava il titolo di una canzonetta di anni fa di Belinda Carlisle (il mondo doveva finire negli anni ’80, altro che diluvio universale), nota più per la faccia come il culo, dato che raccontava in giro di essere vergine alla sua tenera età, che per le doti canore che la ponevano al fianco di mostri sacri come Mandy Smith e Rick Astley.

E come darle torto?

Basta leggere il giornale, non le prime pagine, che non ci frega un cazzo del fatto che le first ladiess del G8 hanno passato la notte a cacare a spruzzo dopo che il cuoco tedesco (il padre di tutti gli ossimori) Beck ha ben pensato di farle pranzare con la coda alla vaccinara in occasione del pranzo offerto loro in Campidoglio dal podestà…ehm, Sindaco Alemanno e dalla sua adorabile mogliettina (a proposito, ma glielo avranno detto chi è il babbo della sindachessa alle first ladiess?). La coda alla vaccinara a pranzo, a Luglio, con 35 gradi… Se venivano a febbraio che je facevi, lo strutto fritto condito con crema di burro?

Le vere perle, le notizie che ci fanno amare il nostro mondo e ci fanno sorridere nella consapevolezza che il genere umano è comunque prima o poi destinato ad estinguersi sono quelle minori, nascoste nelle pieghe della cronaca, dello spettacolo, persino nelle pagine culturali o scientifiche.
Storie che travalicano il ridicolo, o il tragico, o i terrificante, spalancando davanti ai nostri occhi l’abisso di assurdità che, contrariamente a quanto ci dicono continuamente, caratterizza la nostra specie molto, ma molto di più dell’intelligenza che invece è merce assai rara fra gli esseri umani.



La prima notizia che vi voglio segnalare, a proposito di facce come il culo o meglio, di gente che vorrebbe che la sua faccia fosse famosa quanto il suo culo, è l’appello lanciato dalla pornostar Savanna Samson e ripreso ieri da Repubblica (che grande giornale, non potrei vivere senza).
Riporto testualmente quanto scritto dal giornale:

"Sempre meno dialoghi e sempre più azione"… che per il genere porno significa sempre più sesso. Lo ha dichiarato la pornostar Savanna Samson al New York Times lamentandosi per l’impoverimento della sua professione. […]"una volta non vedevo l’ora di leggere una sceneggiatura, oggi è praticamente inutile: c’è solo sesso"

L’attrice, un passato di ballerina classica e varie partecipazioni nei principali talkshow americani, ha detto: "Io amo costruire i miei personaggi anche dal punto di vista psicologico. Per il mio film ‘Flasher’ per esempio dove interpretavo una psicotica mi ero affidata alla sua storia personale di ragazza maltrattata dalla madre”

Se fosse una comica darebbe le piste persino al primo Benigni.

Purtroppo non è stata riportata la replica di un noto regista di genere che ha commentato: “io ce li metterei pure i dialoghi, ma tanto con trenta centimetri de salsiccia in bocca non se capisce un cazzo lo stesso….”

*****




La seconda notizia che ha colpito la mia attenzione l’ho trovata fra le pagine scientifiche del Corriere. Dico così solo per tirarmela e per farvi pensare “oooohhh, pensa, legge le pagine scientifiche…”, in realtà c’era un richiamo in prima sotto all’articolo sul nuovo film di Megan Fox. E se vogliamo fra Megan Fox e questa notizia un qualche legame c’è…..vabè, andiamo avanti.

Parlo dell’annuncio dato da alcuni studiosi inglesi della creazione di sperma artificiale utilizzando delle cellule staminali. Sì, avete letto bene.

Uno pensa che ‘sti scienziati stiano tutto il giorno a farsi le seghe, e invece no, manco quello. Loro pensano a come darci il peggio della vita senza le parti divertenti: prima la fecondazione artificiale , ovvero un figlio senza manco la scopata (che è una bella inculata se ci ragionate, pure la Madonna infatti è ancora Addolorata…) e ora lo sperma senza manco ‘na pippa. Qualcuno gli spieghi che la parte divertente del Bukkake è proprio la produzione di sperma. Pure se lo facessero alla fragola sarebbe meno divertente del metodo tradizionale, non c’è un cazzo da fare…

Che poi basterebbe coinvolgere la popolazione maschile mondiale. Voglio dire, con milioni di persone impegnate quotidianamente quasi solo in quell’attività per lunghi anni non è certo lo sperma che verrà a mancare. O no?

Fate il petrolio artificiale, fate i panda artificiali, fate qualcosa di utile, create neuroni da impiantare a forza nelle teste degli imbecilli che infestano il pianeta. O almeno battetevi perché sia legalizzato il piantarci dei chiodi, di quelli lunghi da crocifissione.

*****




L’ultima notiza è che mi sposo.

O meglio, ho trovato chi vorrei sposare, la mia compagna mi perdonerà, ma come resistere al fascino di questa simpatica ragazzina brasiliana di 17 anni che ha confessato, dopo essere stata fermata per rissa dalla polizia, di aver ucciso a coltellate una trentina di uomini?

Non è adorabile?

Qua parliamo di roba seria, se fosse tutto vero, sarebbe una serial killer con i controcazzi, che in confronto Aileen Wuornos sembrerebbe una dilettante. Devo andare a controllare nel “Dizionario dei Serial Killer”, ma mi sento di poter dire che sarebbe la più prolifica serial killer donna della storia, mi vengono in mente giusto le infermiere chiamate “angeli della morte”, che ogni tanto saltano fuori in qualche ospedale, famose per aver praticato eutanasie non richieste o per aver semplicemente ucciso, ma in maniera non cruenta, un certo numero di pazienti, ma vuoi mettere con una ragazzina che ammazza le sue vittime a coltellate?

Quello sì che è Rock’n’Roll!

TALENT SHOW


Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Table Normal”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}


Fortunatamente non è solo l’Italia ad avere problemi di vario tipo, in fondo non siamo messi cosi male, dobbiamo solo preoccuparci di uno strisciante fascismo di ritorno, del fatto che siamo il paese più razzista e ignorante d’europa, del terremoto, delle organizzazioni mafiose, delle ingerenze vaticane, della totale assenza di un’opposizione degna di questo nome, del berlusconismo (leggi: opportunismo, cafonaggine, ignoranza, egoismo, spregio delle regole, furbizia da quattro soldi ecc. ecc.) che da prima ancora di Berlusconi  infetta la stragrande maggioranza della popolazione, del fatto che i massimi prodotti culturali del paese sono Benigni, Zelig, le Iene  e Fiorello e di qualche altro centinaio di problemi la cui gravità, se parlassimo di malattie, porterebbe un qualsiasi medico con un po’di pietà ad applicare una sana e caritatevole eutanasia (a badilate) al malato che ne fosse affetto. OK, siamo nella merda fino al collo.

Ma anche in paesi mediamente più civili del nostro ogni tanto saltano fuori episodi che ci fanno sentire meno soli nella nostra caduta senza scampo nello scarico del cesso in cui, giustamente, ci stiamo fiondando con tutto l’impegno possibile.

Mi riferisco al caso della signora Susan Boyle, la casalinga inglese divenuta famosa a seguito della sua partecipazione all’X Factor inglese per la sua splendida voce e per il fatto di essere più brutta di come sarebbe un figlio di Margherita Hack e Giuliano Ferrara. Il video dell’esibizione è stranoto, lo hanno mandato persino i TG, con l’ipocrita ramanzina su come il talento per una volta ha vinto sull’avvenenza fisica e cazzate del genere. Evidentemente non si voleva presentare la cosa per quello che è: bestie allo zoo.

Se la signora fosse stata meno grottesca, una casalinga orrenda vestita come una vecchia di paese, un freak, non le sarebbe stato concesso di avere quella visibilità. L’essere anonimi non aiuta a diventare un caso “vendibile” come la sig.ra Boyle, che invece è un autentico scherzo di natura, come uno scimpanzé in grado di dipingere o roba del genere. E non ritengo di essere troppo cattivo con la sig.ra Boyle, il solo fatto di aver partecipato a un reality per quanto mi riguarda sarebbe abbastanza per meritarsi di essere scuoiati e cosparsi di sale, lasciati a seccare al sole con nelle orecchie un iPod con tutta la discografia di Pupo.

Inoltre, come qualcuno (non in Italia, ovviamente) ha fatto notare, è tipico della nostra società lavarsi la coscienza portando al “successo” ogni tanto qualcuno dei soggetti che vengono solitamente massacrati dai suoi meccanismi. Le discriminazioni quotidiane vengono cancellate dal singolo episodio edificante, le migliaia di donne che non fanno carriera in certi ambienti perché non belle (o non abbastanza zoccole) sono cancellate dal freak Susan Boyle, il razzismo dilagante nel nostro paese viene annullato dalla levata di scudi contro i cori su Balotelli o dalla vittoria di un clandestino di origine Rom al Grande Fratello, i misfatti e le ipocrisie della Religione e della Chiesa Cattolica vengono dimenticate a fronte di qualche pasto dato a qualche poveraccio e l’omofobia di cui sono oggetto gli appartenenti alla comunità LGBT vanno nel dimenticatoio nel momento in cui un trans vince l’Isola dei Famosi.

Nel caso specifico dei “diversi”, immigrati, omosessuali o semplicemente brutti che siano, essi diventano soggetti degni di considerazione solo quando si adeguano a fare le scimmiette ammaestrate per il sistema, partecipando allo showbiz del pallone, dei reality, o diventando macchietta, come le Platinette, le Susan Boyle o i Malgioglio.

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Table Normal”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

Ma la notizia più inquietante è quella che ho letto ieri: una casa cinematografica porno ha offerto a Susan 800mila euro per la sua verginità (in Italia era successo il contrario con un ex Gieffina). Vorrebbero fare un film porno in cui lei viene deflorata davanti alle telecamere, il che apre una serie di interrogativi ai quali spero stasera su Voyager Roberto Giacobbo vorrà dare una risposta (magari per una volta una risposta diversa da “i Templari” o “gli Antichi Egizi”).

Il primo punto oscuro della faccenda è chi cazzo vorrebbe vedere un film del genere, anche se vedendo le ricerche che fa chi arriva su questo blog e certi dati statistici di google si capisce come la regola 32 di internet, “Se esiste ce ne è una versione porno in rete” sia sempre valida.

Il secondo è relativo all’aspetto economico: se danno a lei 800mila euro, quanto dovranno dare alla troupe che, a meno che non assumano cameraman ciechi, sarebbe costretta ad assistere a un siffatto spettacolo?

Il terzo punto è ovviamente legato a quale fenomeno dovrebbe occuparsi della cosa. Credo che persino Rocco Siffredi imbottito di Viagra dovrebbe impegnarsi per riuscire ad “operare” sul soggetto, quindi la produzione dovrà lavorare di fantasia, cercare un soggetto adatto. Pare infatti che l’interprete maschile sarà Sandro Bondi e il regista, visto il livello di mostruosità della scena (mi è venuta in mente questa cosa e stanotte non sono riuscito a dormire per l’orrore, credo di aver dato un nuovo senso alla parola "raccapricciante") ovviamente non potrà che essere David Cronenberg, un grande ritorno al vecchio genere dell’horror a base di mutanti.


 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Table Normal”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

*****

 

Ora una cosa seria, visto che si avvicina il 25/04, ricevo con piacere questa segnalazione e diffondo:

 

**

 

*****

 

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Table Normal”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

Per riprenderci dall’orrore un po’di musica, il pezzo di apertura di un disco di cui conoscevo solo tre canzoni, ma che ho scoperto essere un grandissimo album (ovviamente non l’ho scaricato, brigadiere, me lo ha prestato un amico che lo ha regolarmente acquistato e ha persino conservato lo scontrino): il disco d’esordio di Sinead O’Connor, The Lion and The Cobra, di cui avevo postato già un pezzo tempo fa.


**

 

LA SITUAZIONE


Partiamo dai cazzi miei, se permettete, vorrei anche vedere…

La Tecnologia mi odia, ovviamente ricambiata, la mia lotta con il pc continua con un po’di problemi, credo di aver combinato qualche casino con le icone sul desktop e ancora non riesco ad attivare la rete wireless. In compenso ho incontrato un problema che mi dicono essere classico: credevo di aver scaricato un film e invece era un porno….maledetti segaioli del cazzo….almeno volete specificarlo? Il giorno che vorrò vedere un porno, cercherò "porno" che dite!?!?! Bah……

Ma passiamo a cose più serie. Leggo su Repubblica.it una notizia che ovviamente non mi fa piacere: secondo l’ONU entro il 2050 saremo 9 miliardi sulla Terra, ovvero non si arresta l’incremento demografico, il che è un male in assoluto, dato che più alto è il numero di esseri umani esistenti, maggiore è il numero di stronzi in circolazione, soprattutto se si considera che nella maggior parte dei casi il rapporto esseri umani: stronzi è di 1:1.
È un male poi perchè l’incremento riguarda soprattutto i cosiddetti "Paesi in via di Sviluppo", per capirci quelli che il nostro Premier potrebbe definire con la simpatia che lo contraddistingue "posti da negri", il che comporta problemi di vario genere. Ovviamente dal nostro lato i problemi che vengono presi in considerazione sono quelli legati ai flussi migratori e allo spauracchio immigrazione/sicurezza, il che significa che ci sarà un peggioramento delle politiche europee in tema di immigrazione e che in Italia, dove già stiamo messi male, le cose andranno sempre peggio in termini di campagne mediatiche contro gli immigrati, di leggi razziste, di imbarbarimento della popolazione, di raid, pogrom (ma il plurale di pogrom sarà pogromS?) ecc. ecc. ecc.
Insomma, sembra che andremo, noi "europei", verso una situazione sempre più simile a quella che sta alla base dell’idea del film del Grande George Romero "Land of the Dead", in cui l’ultima città di vivi, nell’illusione di poter chiudere il resto del mondo fuori, finisce col trovarsi "chiusa dentro" e senza scampo.
E pensare che per stare tutti un po’meglio basterebbe sbattersene del passaporto di ognuno, pianificare una seria politica di controllo delle nascite a livello mondiale e distribuire risorse e persone in base alla disponibilità dei territori e delle necessità di chi ci deve abitare. Ma questa è utopia, ci sono molte più speranze che il problema della sovrappopolazione del pianeta si risolva in altro modo:

* *

* *

Intanto ci sono ragazzi, rappresentanti delle future generazioni che ci danno una speranza per il futuro, impegnandosi in prima persona per risolvere il problema, ovviamente nel loro piccolo. Mi riferisco ovviamente al 17enne tedesco e al 28enne statunitense che hanno ben pensato di armarsi e compiere una strage di conoscenti e non, magari non gli rispondevano ai commenti su Facebook…

Ok, la faccio finita, passiamo ad altro: una bella strage. Gh gh gh…

Non so se vi è capitato di leggere dell’ultima polemica scatenata da un intervista del regista polacco Andrzej Wajda all’Avvenire che ha ovviamente pompato la cosa dedicandogli un editoriale, prontamente ripreso da quel meraviglioso giornale che è il Corriere della Sera che riporta anche i fondamentali commenti in merito di un personaggione quale Fabrizio Cicchitto.
Parliamo di Katyn, un film che narra la storia di un eccidio compiuto nel 1940 in Polonia, nella foresta appunto di Katyn e che fu oggetto di una guerra di propaganda fra Germania e URSS che se ne rimpallarono all’epoca la responsabilità, fino a quando Gorbaciov non ammise che le uccisioni furono ordinate da Stalin. Il Corriere e l’Avvenire parlano chiaramente di un boicottaggio per motivi politici ai danni del film, tema ripreso da Cicchitto che ne propone la proiezione in Parlamento (il tempo lo dovranno impiegare in qualche modo se passa la proposta di Berlusconi di far votare solo i capogruppo…).
Eh, sì, in effetti è strano che un film polacco, in lingua sottotitolato (perchè leggendo l’articolo si evince che il film sarebbe in polacco con i sottotitoli in italiano), non abbia una grande distribuzione nelle sale….deve essere per forza un boicottaggio, se non fosse per motivi politici avrebbe avuto la stessa distribuzione de "Il Cavaliere Oscuro", come succede a tutti gli altri film polacchi….
Ancora complimenti al Corriere (sull’avvenire stendiamo un velo pietoso).

Mi chiedo quando Cicchitto e il Corriere faranno altrettanta pubblicità (perchè è chiaro che è questo lo scopo della crociata che hanno armato) a Religiolous, film di satira anti-religiosa che è stato praticamente impossibile vedere nelle sale (a Roma era solo in un cinema e lo hanno tenuto per un paio di settimane) e che avrebbe potuto contare su una distribuzione un pelo più "potente" (vi invito a digitare su google "Mario Mazzarotto", il distributore di Katyn e confrontare i risultati con "Eagle Pictures", il distributore di Religiolous) oltre che sul fatto di essere diretto da Larry Charles, regista di Borat, film che ha sbancato in tutto il mondo.

Concludo tornando per un attimo alle recenti stragi, segnalandovi il motivo per cui certe cose succedono: c’è troppa gente che ha troppo tempo libero e lo usa male. Qualcuno si allena in cantina con la pistola, qualcun’altro passa la sua vita a guardare filmati su youtube per montarli, sincronizzarli e farci dei pezzi musicali, anche fichi, non lo nego, ma drogarsi e provare a suonare davvero come si usava una volta no?

* *

Addavenì Lou Reed…

Comunque, se volete sentire tutti i pezzi che ha fatto questo pazzo li trovate sul suo sito: http://thru-you.com
Io personalmente preferisco questo:

* *

o quest’altro:

* *

OTTIMISMO



"OTTIMISMO – Hey! Quello sembra un cassonetto pieno di materassi!"

Non ho mai capito chi fosse l’autore della battuta "la sfiga è un amante fedele, non ti lascia mai, nemmeno quando sei nella merda", ma mai parole furono più sagge, specie di questi tempi.

C’è la crisi economica, oggi nuovo crollo, abbiamo un Governo sempre più agghiacciante, l’opposizione da una parte litiga sul PSE, sulla Leadership e sulla Questione Morale, dall’altra litiga per decidere se sia meglio fare una rivista, "Rifondazione Comunista" (i Ferreriani) o le primare su Facebook (i Vendoliani), il Papa fa proclami a reti unificate ogni giorno, proclami che sarebbero stati considerati retrogradi ai tempi di Innocenzo III e nessuno gli dice nulla. L’Italia è in recessione economica, politica, culturale, sociale, tutto. Fra un po’ cominceranno gli sbarchi dei pugliesi in Albania, fonderanno la Lega Albanese e sentiremo Ministri di Tirana dire che i clandestini Italiani vanno presi a cannonate.

In tutto questo, per tirarci su il morale, stamane una notizia che rattrista, non conta un cazzo, lo so, ma a me dispiace: è morta Bettie Page. Icona, mito, simbolo, LA Pin Up per eccellenza, una della colonne portanti di quell’immaginario collettivo a cui ci aggrappiamo quando ci vogliamo illudere che in fondo c’è un motivo per dare torto a Bill Hicks quando diceva che "Hitler aveva avuto l’idea giusta, solo non l’ha portata fino in fondo", alludendo al fatto che tutti gli esseri umani andassero fatti fuori.

Insomma, se non sapete chi era Bettie Page fate una ricerca in rete, o date un’occhiata alle sue foto, la riconoscerete sicuramente, l’immagine della Page è come la faccia del Che, come gli occhialini di John Lennon, come il sigaro di Churchill, come la mano de dios di Maradona (scrivo di proposito dios minuscolo e Maradona maiuscolo, per rispetto. Di Maradona.):

*
*

*
*

Insomma, anche stamane mi sono svegliato di buon umore, che altro aggiungere:

*
*

CHI CERCA TROVA – Vol 4 – Settembre 2008


In mostruoso ritardo e saltando in maniera del tutto immotivata Luglio e Agosto, torna a grande richiesta l’analisi delle chiavi di ricerca che hanno portato voi, branco di debosciati perdigiorno e privi di qualunque morale (basta complimenti per oggi, eh) a iNbattervi nel mio blog, o cacatoio intellettuale, fate voi.

Questo mese a sorpresa, sbaraglia tutta la concorrenza "nadia cassini", non mi chiedete come sia possibile, ma va più che bene, è sempre un’occasione per mettere su una foto di uno dei miti del Cinema Italiano di bassa lega (o basso ventre, fate voi), di certo a non essere basso era il culo della mitica Nadia, il cui calco, come immagino avrete già sentito, è esposto al Museo dei Pesi e delle Misure di Parigi, accanto al Metro ufficiale.


Delle chiavi di ricerca meno scontate quella con più contatti è questa. Sottolineo solo per sadismo quanto deve essere bello cercare Nadia Cassini e trovare me…

Si difende sempre la Carfagna, cercata sia come "mara carfagna" che come "carfagna ministro", anche se viene battuta come numero di contatti dai Metallica con "master of puppets" e da un agguerritissimo plotone circense ("circo togni", "circo orfei" e derivati come "circo italiana", "circo moto" e "musica da circo"). Il che non è strano, in finale se si pensa a Berlusconi vengono in mente i nani e le ballerine, quindi il nesso fra la Carfagna e il Circo c’è tutto, anche se i numeri della Carfagna non credo vadano bene per gli spettacoli per bambini.

Per tornare in tema con la Cassini, anche questo mese abbiamo la conferma che nella vita il culo serve sempre, abbiamo quindi, come una mitragliata: "culo nudo", "blog culi rotti", "culo in spiaggia" (da solo!?!?), "inquadrature di culi", "sfintere aperto", "rapporti anali di rocco siffredi" e per concludere una meritata citazione a quella che ha detta di molti è, per questioni di evidente talento, l’erede naturale della Cassini, "culo di giorgia palmas".


Vi siete tirati su di morale? Siete "allegrotti"? Bene, ci penso io a smontarvi in un secondo, perchè chiudo la sequenza sfinterica con un devastante, in tutti i sensi, "cilicio anale", che non si capisce bene se sia un’arma di Goldrake o uno strumento erotico della Binetti. Fatto sta che quando l’ho letto mi è corso un brivido sulla schiena.
Comunque, chiunque tu sia, stai male (sicuramente seduto, ma anche in generale).

Direi che nulla può, meglio di un cilicio anale, aprirci, ma che dico, spalancarci le porte della sezione "Pornografia, Sesso e Feticismo", ormai incontrastata dominatrice, come è giusto e normale, di questo nostro giochino, anche se devo dire che Settembre, probabilmente per un calo generale dei contatti, ha regalato meno perle del solito.

Partiamo dal "bukkake", stabile, come è normale (dopo un po’si secca, nun c’è un cazzo da fa’), per addentrarci nella categoria "Fetish" che va dai classici "bdsm bukkake foto frusta", attraverso "frustate e mortificazione" diritto alla logica conclusione di rapporti così violenti: "necrofilia".
Un romanissimo  "pischelle sela comannano" (tra l’altro questa andrebbe bene anche per la categoria "Lezzioni di tagliano") precisa, forse ad uso delle autorità inquirenti, che la frusta ce l’aveva lei.

Giustamente in coppia "donne poppute" e "le tette più brutte", come a ricordare che non si può avere tutto dalla vita in su. Mentre "tette di bambina" richiama una morandiana Occhi di Ragazza, che sarà una canzone pallosa, ma almeno non è reato.

C’è anche questa volta il mio ormai aficionado che arriva qui cercando di "donne che cagano e pisciano", non so, sarà un urologo…

Sempre restando nel fetish, e qui concludo, questo mese registro non senza soddisfazione l’apertura del filone naturista-ecologista con "porno mucca" e un poeticissimo "foglie di fica". Spero per il futuro di avere un gran contributo dagli amanti degli animali e della natura, o anche dai legittimi consorti, va bene uguale.


LA MUSICA CI AVVICINA A CRISTO, IL RUGBY MENO


Non parlerò della Manifestazione di ieri a P.zza Navona, non sono andato perchè avevo cose importante da fare, sapendo che c’erano anche Grillo e Travaglio forse non sarei andato comunque (ho letto che Grillo avrebbe fatto pure una sparata contro i Rumeni, basta, veramente….), anche perchè comincio a pensare che se l’Italia ha bisogno di manifestazioni indignate per ribadire l’ovvio, come che non puoi mettere alle Pari Opportunità una delle tue PoNpinare di fiducia, ma poi alla fine l’80% vota o per lo spompinato o per quelli che in nome del dialogo hanno implorato per mesi di essere loro gli spompinatori c’è poco da fare: rottiamiamo ‘sto cazzo di Paese e vendiamolo al peggior offerente, sbaracchiamo tutto, sediamoci sulla riva del fiume e aspettiamo che passino i nostri e i loro cadaveri, aspettiamo che la UE ci abbia sbattuto fuori, che l’ONU ci abbia sanzionato come l’Iran, con un po’di culo possiamo sperare che i problemi dell’Italia li risolva un incidente con le atomiche degli Yankee a Camp Darby o alla futura Dal Molin.

Quello di cui invece voglio parlarvi è la Woodstock Cristiana.

Sì, avete capito bene, la Woodstock Cristiana. Nella ridente cittadina (che cazzo c’avranno da ridere ‘sti buchi del culo del mondo piantati nel mezzo delle campagne statunitensi lo sanno solo loro…) di Mount Union si è svolta la 30ma edizione nientepopodimenoche del Creation Festival, ovvero il Festival della Musica Rock di ispirazione Cristiana, fenomeno che ovviamente negli States è molto seguito, fortunatamente da noi al massimo c’è Fra Cionfoli o Frate Cesare, il frate metallaro, il che non significa che stiamo messi bene, sono loro ad essere messi peggio.

Se volete affacciarvi su questo abisso di stupidità, questo è il sito della manifestazione, ricordatevene quando vorrete pregare che un meteorite cada sulla Terra: http://www.creationfest.com.

C’erano 70.000 persone, dice che hanno fatto pure lo scivolo nel fango come a Woodstock….posso dì che secondo me a Woodstock se so’ divertiti de più? Voglio dire, fra un gruppo di ventenni Emo che cantano "Viva Gesoo" e Jimi Hendrix strafatto che massacra l’inno Statunitense direi che c’è poco da ragionà…..

Questi sono Creazionisti, ovvero pensano che il Mondo sia stato creato da Dio, il Disegno Intelligente e tutte ‘ste puttanate qua. Come diceva George Carlin, il comico statunitense recentemente scomparso, se è Dio ad aver creato questo Mondo, visto il casino che ha fatto è come minimo un incompetente e dovrebbe cercarsi un altro lavoro.

*****


Sempre per restare su temi più seri della Politica Italiana, mi ha fatto particolarmente sorridere questa notizia. Praticamente per un errore tecnico la Sky Neozelandese ha mandato in onda e in chiaro alcuni minuti del film "Mogli Disperate Nere 2", che non è un documentario sul dramma delle vedove africane, ma un pornazzo.

Questa cosa mi ha fatto ricordare la mia ultima vacanza armena, quando abbiamo alloggiato in un albergo ex-sovietico a Sisian, dove c’era la TV satellitare, due canali, eh, non esageriamo.
Ovviamente c’era un solo decoder, e sui televisori di tutto l’albergo c’erano solo quei due canali su cui mandare il segnale del decoder.

Bene, una sera, prima di dormire, dopo cena, aspettando che la birra e la vodka facessero effetto, mettiamo su ‘sto canale, facevano una partita di una roba strana, credo fosse calcio australiano, un incrocio fra il rugby e il calcio. A un certo punto, non se per un problema tecnico o perchè il custode dell’albergo aveva cambiato qualcosa sul decoder, il canale Eurosport si trasforma in un Canale di Porno Russi, con una bionda con tacchi a spillo che si faceva sbattere in più di una maniera che il Santo Padre condannerebbe da un energumeno immagino di nome Boris.

Mi sono immaginato la scena, nelle case dei NeoZelandesi, magari con popcorn, birra e figli al seguito, in attesa della partita, con la faccia sbigottita davanti a Tatiana che faceva un ciuccio a Boris che manco la Carfagna…

UOLTER FOR PRESIDENT!

Walter Veltroni, aka Walter Weltroni (pron. Uolter Ueltroni) aveva scelto lo slogan DonMilaniano "I Care" per un congresso dei DS di qualche tempo fa.

Probabilmente Uolter accetterà in questa settimana la candidatura a Pap….no, a Segretario del Nascituro Morto Partito Democratico, dopo che gli è stato chiesto dai fantasmi (politici) di D’Alema e Fassino.
Tale supplica dai due leader della carcassa dei DS è partita dopo che si sono resi conto che dopo le figure fatte lo slogan del loro congresso avrebbe potuto essere solo "Un marcio Presente per un Fetido Futuro".

La richiesta è stata inizialmente ferma ma dignitosa (D’A: "Uolter, ti prego, qua annamo tutti pe’ fratte, io e Piero poco ce manca che finimo in galera, mica ce vorrai mette Bersani o Franceschini? La Bindi? No, davero Uolter, dicevi che volevi datte alla beneficenza, cazzo, più beneficenza de così….Uolter….Uolter….qua ce tocca trovacce un lavoro vero, mettete una mano sulla coscienza…"), poi più pressante (gli hanno rapito le figlie e hanno minacciato di tenerle segregate a casa di Parisi nelle grotte della Barbagia fino a quando l’Unione non vincesse di nuovo le elezioni con ProdiFassinoRutelli&C, quindi non le avrebbe più riviste).

A quel punto Uolter ha dovuto compiere un ulteriore evoluzione politica passando da "I Care" (mi importa), che prima era diventato "I don’t Care" (non mi importa) e poi "Who does assfuck you?" (chi ve se incula?), a "OK, the soul of your best relatives" (e vabbè…l’anima de li mejo mortacci vostra). Quasi sicuramente accetterà, dato che è l’unica speranza per il PD di andare sopra il 20%, e dato che è l’unico presentabile che c’hanno che potrebbe davvero sperare di vincere le elezioni (ammesso che il Governo arrivi al 2011 e riesca a trovare le risorse per elargire nell’ultimo anno due troie russe ad ogni elettore e due modelli superdotati a cui non piace il calcio alle elettrici, sennò non vincono manco se candidano Vasco Rossi).

Uolter in realtà era il candidato perfetto per raccogliere i cocci del centrosinistra che sarebbero rimasti in terra dopo le prossime politiche e l’inevitabile nuovo governo della CdL. (purtroppo l’erba cattiva non muore mai, e la strategia politica dell’attuale governo "tiriamo avanti sperando che al Nano venga un colpo secco, poi forse le rivinciamo le elezioni" è deboluccia…). Se se lo giocavano candidato premier nel 2016 avrebbero vinto a mani basse, se ci sono riusciti l’anno scorso figurarsi dopo un altro governo Berlusconi (dopo un Governo Berlusconi le elezioni le vincerebbe anche una coalizione guidata dal Mostro di Rostov: http://tinyurl.com/2h5wb7 ).

Se accetterà potrà dare il suo contributo, con la sua capacità di mediare fra centro e sinistra grazie all’ascolto (il segreto è convocare tutte le parti, mentre parlano canticchiarti in testa "Obladì Obladà" e poi inaugurare un cinema), il suo innato talento per la mediazione (sindaco di Roma, si dichiara Juventino in modo da poter star sul cazzo sia ai Romanisti che ai Laziali) e alla sua retorica asciutta ma coinvolgente (riuscirebbe a far addormentare l’uditorio anche se alle sue spalle stessero dando in diretta la finale dei Mondiali di Calcio Italia – Brasile).

E a prova di questo, ha già pronto il capolavoro di mediazione politico culturale, fra il materialismo e il realismo tipico delle radici della sinistra, e la Fede nella Divina Provvidenza, bagaglio degli ex-Democristiani: lo slogan del primo vero congresso del PD, un vero e proprio manifesto politico, sarà "Che Dio ce la Mandi Buona".

*****

Vi segnalo un post un po’lungo, ma interessante e "peso" sull’industria del porno dal blog di lapecorastanca, non so come le è arrivato, ma avrà percorso chilometri di mailbox: http://lapecorastanca.splinder.com/post/12762257