HEAVEN IS A PLACE ON EARTH

“Il paradiso è un posto sulla terra”, recitava il titolo di una canzonetta di anni fa di Belinda Carlisle (il mondo doveva finire negli anni ’80, altro che diluvio universale), nota più per la faccia come il culo, dato che raccontava in giro di essere vergine alla sua tenera età, che per le doti canore che la ponevano al fianco di mostri sacri come Mandy Smith e Rick Astley.

E come darle torto?

Basta leggere il giornale, non le prime pagine, che non ci frega un cazzo del fatto che le first ladiess del G8 hanno passato la notte a cacare a spruzzo dopo che il cuoco tedesco (il padre di tutti gli ossimori) Beck ha ben pensato di farle pranzare con la coda alla vaccinara in occasione del pranzo offerto loro in Campidoglio dal podestà…ehm, Sindaco Alemanno e dalla sua adorabile mogliettina (a proposito, ma glielo avranno detto chi è il babbo della sindachessa alle first ladiess?). La coda alla vaccinara a pranzo, a Luglio, con 35 gradi… Se venivano a febbraio che je facevi, lo strutto fritto condito con crema di burro?

Le vere perle, le notizie che ci fanno amare il nostro mondo e ci fanno sorridere nella consapevolezza che il genere umano è comunque prima o poi destinato ad estinguersi sono quelle minori, nascoste nelle pieghe della cronaca, dello spettacolo, persino nelle pagine culturali o scientifiche.
Storie che travalicano il ridicolo, o il tragico, o i terrificante, spalancando davanti ai nostri occhi l’abisso di assurdità che, contrariamente a quanto ci dicono continuamente, caratterizza la nostra specie molto, ma molto di più dell’intelligenza che invece è merce assai rara fra gli esseri umani.



La prima notizia che vi voglio segnalare, a proposito di facce come il culo o meglio, di gente che vorrebbe che la sua faccia fosse famosa quanto il suo culo, è l’appello lanciato dalla pornostar Savanna Samson e ripreso ieri da Repubblica (che grande giornale, non potrei vivere senza).
Riporto testualmente quanto scritto dal giornale:

"Sempre meno dialoghi e sempre più azione"… che per il genere porno significa sempre più sesso. Lo ha dichiarato la pornostar Savanna Samson al New York Times lamentandosi per l’impoverimento della sua professione. […]"una volta non vedevo l’ora di leggere una sceneggiatura, oggi è praticamente inutile: c’è solo sesso"

L’attrice, un passato di ballerina classica e varie partecipazioni nei principali talkshow americani, ha detto: "Io amo costruire i miei personaggi anche dal punto di vista psicologico. Per il mio film ‘Flasher’ per esempio dove interpretavo una psicotica mi ero affidata alla sua storia personale di ragazza maltrattata dalla madre”

Se fosse una comica darebbe le piste persino al primo Benigni.

Purtroppo non è stata riportata la replica di un noto regista di genere che ha commentato: “io ce li metterei pure i dialoghi, ma tanto con trenta centimetri de salsiccia in bocca non se capisce un cazzo lo stesso….”

*****




La seconda notizia che ha colpito la mia attenzione l’ho trovata fra le pagine scientifiche del Corriere. Dico così solo per tirarmela e per farvi pensare “oooohhh, pensa, legge le pagine scientifiche…”, in realtà c’era un richiamo in prima sotto all’articolo sul nuovo film di Megan Fox. E se vogliamo fra Megan Fox e questa notizia un qualche legame c’è…..vabè, andiamo avanti.

Parlo dell’annuncio dato da alcuni studiosi inglesi della creazione di sperma artificiale utilizzando delle cellule staminali. Sì, avete letto bene.

Uno pensa che ‘sti scienziati stiano tutto il giorno a farsi le seghe, e invece no, manco quello. Loro pensano a come darci il peggio della vita senza le parti divertenti: prima la fecondazione artificiale , ovvero un figlio senza manco la scopata (che è una bella inculata se ci ragionate, pure la Madonna infatti è ancora Addolorata…) e ora lo sperma senza manco ‘na pippa. Qualcuno gli spieghi che la parte divertente del Bukkake è proprio la produzione di sperma. Pure se lo facessero alla fragola sarebbe meno divertente del metodo tradizionale, non c’è un cazzo da fare…

Che poi basterebbe coinvolgere la popolazione maschile mondiale. Voglio dire, con milioni di persone impegnate quotidianamente quasi solo in quell’attività per lunghi anni non è certo lo sperma che verrà a mancare. O no?

Fate il petrolio artificiale, fate i panda artificiali, fate qualcosa di utile, create neuroni da impiantare a forza nelle teste degli imbecilli che infestano il pianeta. O almeno battetevi perché sia legalizzato il piantarci dei chiodi, di quelli lunghi da crocifissione.

*****




L’ultima notiza è che mi sposo.

O meglio, ho trovato chi vorrei sposare, la mia compagna mi perdonerà, ma come resistere al fascino di questa simpatica ragazzina brasiliana di 17 anni che ha confessato, dopo essere stata fermata per rissa dalla polizia, di aver ucciso a coltellate una trentina di uomini?

Non è adorabile?

Qua parliamo di roba seria, se fosse tutto vero, sarebbe una serial killer con i controcazzi, che in confronto Aileen Wuornos sembrerebbe una dilettante. Devo andare a controllare nel “Dizionario dei Serial Killer”, ma mi sento di poter dire che sarebbe la più prolifica serial killer donna della storia, mi vengono in mente giusto le infermiere chiamate “angeli della morte”, che ogni tanto saltano fuori in qualche ospedale, famose per aver praticato eutanasie non richieste o per aver semplicemente ucciso, ma in maniera non cruenta, un certo numero di pazienti, ma vuoi mettere con una ragazzina che ammazza le sue vittime a coltellate?

Quello sì che è Rock’n’Roll!

VIENI ANCHE TU NEI PAPIBOYS!


Vi segnalo con immensa gioia questa iniziativa:


—————————————————-

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Table Normal”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

Annunciaziò Annunciaziò!!!!!

È nato il blog ufficiale dei PapiBoys!

Gente giovane che amano lo sport, la moda, la cultura e soprattutto il Papi! Dinamici, entusiasti, amanti della Libertà, automuniti, militesenti.

Astenersi perditempo, fannulloni e comunisti.

Scrivi il tuo messaggio a: papiboys.testimonianze@blogger.com

Manda anche tu il tuo messaggio per il Papi! Vieni anche tu nei PapiBoys e nelle PapiGirls! Papi lo fa!

SBIRRI


Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Table Normal”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

Basta co’ ‘sto terremoto, non se ne può più…stiamo stressati qui a Roma immagino come potranno stare a pezzi quei poveracci in Abruzzo… sebbene come ho già detto ieri è decisamente squallido che nessuno abia spaccato la faccia a quel buffone di Berlusconi andato lì a fare battute nella tendopoli…”andate al mare”…mavaffanculo…

Aggiungo solo una cosa sull’argomento: stamane sono stati trasferiti i detenuti del carcere di massima sicurezza de L’Aquila, dove ci sono numerosi 41bis, fra cui Nadia Desdemona Lioce. L’ex brigatista condannata tra le altre cose per l’omicidio Biagi ha dichiarato di non riconoscere questo sisma borghese e si è dichiarata “sfollata politica”.

Parliamo d’altro, ovviamente sempre cose allegre.

Al G20 di Londra ci sono state manifestazioni di protesta, abbastanza grandi per un movimento, quello altermondialista che è da tempo in crisi o che comunque non riesce più a mobilitare le grandi masse che smuoveva ai tempi del tristemente noto G8 di Genova. I media hanno dato la notizia della morte di una persona, inizialmente si pensava a un manifestante, ma pare che fosse solo un pericoloso venditore di giornali che tornando a casa si è trovato a passare per una delle strade in cui i manifestanti erano stati intrappolati dalla polizia. Nel dare la notizia come accade spesso si è presa per oro colato la versione dei poliziotti, ovvero che il tizio avesse avuto semplicemente un malore, un infarto, niente di particolare, era cardiopatico, in una situazione particolare che avrebbe potuto indurgli stress. La polizia ha anche raccontato che i manifestanti hanno impedito che i soccorsi intervenissero.

Peccato che dopo un po’ qualche testimone ha iniziato a raccontare che poco prima di avere il malore Ian Tomlinson, questo il nome del poveraccio, avesse incrociato un paio di solerti agenti, che lo avrebbero buttato in terra facendogli sbattere la testa. A conferma di questi racconti, ovviamente ignorati fino ad ora, arriva un video in cui si vede Tomlinson che si allontana tranquillamente con le mani in tasca dai poliziotti, che da dietro lo colpiscono e lo buttano violentemente a terra, lui viene soccorso da dei manifestanti che lo aiutano a rialzarsi mentre i poliziotti restano immobili, si allontana un po’frastornato e sparisce dall’inquadratura. Pochissimi minuti dopo si accascerà in terra per non rialzarsi più.

Ovviamente sarebbe esagerato parlare di “omicidio” da parte della polizia come qualcuno ha fatto, ma se è vero che Tomlinson era cardiopatico come si è detto poco dopo la notizia della morte, non si può escludere che qualche collegamento fra l’aggressione (comunque immotivata e indicativa del comportamento delle Forze dell’Ordine a Londra) e la morte debba essere fatto.

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Table Normal”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

Qui il video pubblicato dal Guardian

v:* {behavior:url(#default#VML);}
o:* {behavior:url(#default#VML);}
w:* {behavior:url(#default#VML);}
.shape {behavior:url(#default#VML);}

Normal
0
false

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Table Normal”;
mso-tstyle-rowband-size:0;
mso-tstyle-colband-size:0;
mso-style-noshow:yes;
mso-style-priority:99;
mso-style-qformat:yes;
mso-style-parent:””;
mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt;
mso-para-margin-top:0cm;
mso-para-margin-right:0cm;
mso-para-margin-bottom:10.0pt;
mso-para-margin-left:0cm;
line-height:115%;
mso-pagination:widow-orphan;
font-size:11.0pt;
font-family:”Calibri”,”sans-serif”;
mso-ascii-font-family:Calibri;
mso-ascii-theme-font:minor-latin;
mso-fareast-font-family:”Times New Roman”;
mso-fareast-theme-font:minor-fareast;
mso-hansi-font-family:Calibri;
mso-hansi-theme-font:minor-latin;}

Con la lucidità di analisi che molto spesso ne caratterizza gli interventi, Beppe Grillo ci ha donato un’altra perla delle sue, cito dal suo blog:

“A Strasburgo fanno la riunione della NATO e fuori migliaia di persone che si picchiano coi celerini. È una cosa normale, secondo voi? Londra, riunione dei G20. Fuori, casino. Gente che si picchia coi celerini. È normale secondo voi? Adesso si prevede che per il G8 in Italia, di nuovo folle contro i celerini. Che cosa i celerini il nostro riferimento, i nostri referenti per la democrazia in Italia?”

Purtroppo i noglobbal sovversivi sono meno fortunati di Grillo, che quando organizza manifestazioni di piazza trova solo i giornalisti mentre i politici nella peggiore delle ipotesi lo ignorano (almeno quelli che non sono dell’IDV per i quali fa campagna elettorale). Come referenti sta messo non male, visto che può parlare con i parlamentari europei e con qualche giudice.

Agli altri, non solo altermondialisti, ma anche disoccupati e studenti, come referenti toccano i celerini, i politici europei e italiani gli danno dei guerriglieri o dei violenti e i giudici condannano loro per assolvere chi li ha picchiati. Non è carino dire che sono “persone che si picchiano coi celerini”, per lo più sono persone meno fortunate dei suoi grillini, che quando vanno in piazza vengono picchiati DAI celerini. Non è una piccola differenza, capisco che nel marasma dei deliri di onnipotenza grilliani si tenda a non stare a guardare troppo i dettagli e a buttarla in caciara, ma sarebbe carino che parlando di certe cose si imponesse la stessa precisione che ha quando parla di altre, in modo da non alimentare anche lui i pregiudizi e i luoghi comuni che tanto lo infastidiscono quando altri li propinano su materie che lo toccano.

Intanto, sempre a proposito di sbirri, vi segnalo una volta tanto un caso in cui invece di coprire i colleghi con il solito spirito di corpo (leggi “omertà mafiosa”), dei poliziotti hanno fatto sì che venisse alla luce un omicidio compiuto a Milano da parte di due agenti della Polfer, che hanno fermato in stato di ubriachezza un barbone, Giuseppe Turrisi di 58 anni alla stazione centrale e lo hanno ammazzato di botte per poi dire che era molto per un malore. Le indagini svolte dai loro stessi colleghi hanno portato all’arresto dei due agenti ora in carcere con l’accusa di omicidio volontario, inchiodati anche dalle immagini delle telecamere di sicurezza della stazione. Se fossi cattivo penserei che il fatto che fosse un poveraccio italiano e non un drogato come Federico Aldrovandi e Aldo Bianzino o un anarchico come Marcello Lonzi o un clandestino, abbia avuto un suo peso, ma lasciamo perdere per questa volta…


*****


Concludo con un cambio in corsa: avevo detto basta col terremoto, ma questa è troppo ghiotta per rinunciarci:

11:13

Carla Sarkozy scrive a Chiodi: “Voglio farvi un dono”

Il governatore dell’Abruzzo Gianni Chiodi, ha ricevuto una lettera dalla consorte del presidente francese. Carla Sarkozy si è detta "profondamente emozionata e afflitta" per la tragedia e ha aggiunto di "desiderare di contribuire personalmente allo slancio di solidarietà con un personale dono all’ospedale dell’Aquila"




"giuvà, ha detto lu sindaco de annà che ce sta la carla bruni…ma te lo sì capito che vor dì ‘sto buccachè?"

SBIRCIARE NEL CASSONETTO



Chi mi conosce sa che ormai il mio unico interesse per il mondo e per la razza umana in particolare risiede nel contemplarne le brutture, le aberrazioni, nella convinzione che siamo esseri molto meno intelligenti di quanto ci piaccia disegnarci, nonchè in continuo peggioramento, al punto che prevedo (del tutto a cazzo di cane e senza la benchè minima prova a sostegno) nel giro di due massimo tre secoli, l’avverarsi degli scenari profetizzati ne "Il Pianeta delle Scimmie".

Di brutture, soprattutto in Italia ultimamente se ne vedono anche troppe, a cominciare dallo splendido spaccato di vita che ci stanno regalando i giovani del nostro paese, fra ronde punitive contro gli immigrati, il sostegno dato agli stupratori se connazionali e il tentato linciaggio quando sono stranieri, i continui episodi di violenza e razzismo, l’audience del Grande Fratello, le statistiche di vendita dei cellulari, il proliferare incontrollato di filmati di decerebrati che tentano di uccidersi in maniera assurda su Youtube (senza successo, purtroppo), il fatto che gente come Tiziano Ferro o i due cretini del popporno non debbano vendere un rene per sopravvivere…..

Un Paese triste e rattristante, in cui ogni fatto viene sommerso dal chiacchiericcio da bar, ogni considerazione un minimo razionale sparisce sotto i colpi del nulla, dell’opinione da talk show, da autobus. Un nulla che viene ripreso e alimentato da politici, giornalisti ed opinionisti la cui preoccupazione non è quella di dire le cose come stanno, meno ancora di "educare" coloro che hanno una cultura meno ampia e una capacità di analisi meno formata, ma è quella di compiacere l’uditorio, guadagnare credito e consenso adulando il popolino becero e rendendo questa massa di ignoranti fiera di sentire che anche in tivvù c’è qualcuno che dice le stesse bestiate che dice lei.
Questo quando viene fatto di proposito, perchè poi c’è da dire che tre quarti dei politici, dei giornalisti e ancora più degli "opinionisti" è ignorante e rozza quanto la massa che li segue, in quel caso non deve nemmeno fare lo sforzo di compiacerla, dato che parliamo di soggetti perfettamente rappresentativi del nulla di cui sopra.

Un esempio di questo abisso di orrore lo si trova nei messaggi spediti alla deputata radicale Bernardini, rea di essere andata a verificare le condizioni di detenzione degli stupratori di Guidonia e di aver denunciato presunti maltrattamenti subiti in carcere. Un livore e uno spirito da linciaggio coi forconi e le torce, roba da medioevo.
Alla fine di quei messaggi quelli che mi hanno sconcertato maggiormente sono non tanto quelli sgrammaticati e al limite dell’incomprensibilità, quanto quelli scritti da persone che evidentemente sanno presentarsi in maniera civile, garbata, educata, anche quando scrivono che si sarebbe dovuto lasciare che la folla inferocita linciasse i quattro (allora presunti, è bene ricoordarlo) bastardi, o che è giusto e auspicabile che in carcere vengano torturati e picchiati.
Come dicevo prima, le cose vanno analizzate con razionalità: è ovvio ed è scontato che il sentimento nei confronti di quei quattro bastardi sia odio, repulsione, disgusto, rabbia e quant’altro. Ma è altrettanto ovvio, se non vogliamo partecipare al chiacchiericcio e al rumore di fondo di cui parlavo prima, pretendere di essere migliori di loro, pretendere che vengano trattati come è giusto, in un Paese che si vuole civile, in cui la legge non prevede che i detenuti in attesa di giudizio vengano pestati in carcere dai poliziotti, a prescindere da quanto odioso e grave sia il crimine commesso. Ricordandosi soprattutto che la certezza della pena ci deve essere, ma che la pena la stabilisce la legge e va applicata dopo regolare processo.
Linciare o picchiare uno stupratore, per quanto possa essere piacevole come idea, per quanto possa essere comprensibile come desiderio, per quanto possa essere giustificata come vendetta, non è e non deve essere considerata come Giustizia in un Paese civile.

Ma l’Italia non è un Paese civile, è un paese che va alla deriva, abbandonato all’ignoranza e al pregiudizio più becero, su qualsiasi argomento, all’interesse morboso per i particolari raccapriccianti e strappalacrime della cronachetta e del gossip, lontano da qualsiasi forma di Pensiero.
Per capirci, sulla homepage di Repubblica.it il pezzo principale è la diretta de "l’ultimo giorno di Eluana". Mi chiedo se domani sul giornale cartaceo ci troveremo anche Gianni Mura che dà le pagelle agli anestesisti e le foto della moviola del momento del decesso….
No, dai, sono io che penso male….in fondo la seconda notizia è addirittura sul delitto di Garlasco, "Chiara uccisa con una stampella", sono i temi che appassionano il mondo…
Su Corriere.it pubblicano la classifica delle notizie più lette del sito, per giorno, settimana e mese, credo di avervelo già segnalato.

Beh, questo è il quadro attuale, non aggiungo commenti:

GIORNO:

1) La fanno ubriacare poi la violentano

2) MicroMega contro Fazio. Hack: non è un eroe. Vaime lo difende

3) Daniela lascia la casa del Grande Fratello«Lo faccio per i colleghi senza il lavoro»

4) Arbore: in tv solo «paraculaggini» e anche Santoro ossequia

SETTIMANA:

1) Stupro di Guidonia, presi quattro romeni Uno confessa. Folla infuriata: «Bastardi»

2) Addio a Mino Reitano

3) Bella, ma non solo E Jessica Alba zittisce il giornalista

4) Gene Gnocchi va all’attacco: brutte esperienze con Bonolis e la Corna

MESE:

1) Cristina Del Basso

2) Brasile, amputate le mani e i piedi alla candidata a Miss World

3) Neve record al Nord, fioccano i disagi Chiusa A1 tra Milano e Parma per ghiaccio

4) Daniela Martani

5) Scientology e la malattia negata: Travolta

Intanto in Islanda hanno cacciato il Governo a calci in culo per la crisi, in Francia scioperano e ci pigliano per il culo per Alitalia, in Gran Bretagna c’è una specie di rivolta contro le politiche comunitarie in tema di lavoro (ovviamente noi, che siamo il Paese più provinciale del mondo, ragioniamo in termini di "proteste contro i lavoratori italiani"), a Gaza probabilmente ricomincerà il massacro, Obama sta effettivamente facendo anche cose interessanti….

Noi no, noi siamo una Nazione brutta in un Paese che se non fosse abitato sarebbe meraviglioso, guardare l’Italia è come guardare dentro un cassonetto, o una fossa biologica, ci si trovano dentro cose e persone raccapriccianti, come perfettamente sintetizzato da questa immagine che emerge da un’intervista a Paolo Guzzanti in occasione della sua uscita da Forza Italia (intervista che tra le altre cose sembra l’imitazione di una di quelle insopportabili delle Iene, fatta da un imbecille imbottito di Ritalin a un altro imbecille imbottito di Prozac, bel giornale Repubblica, spero che non chiuda mai)

Comunque Sandro Bondi le chiede di restituire il seggio.
"Bondi è il mio più caro amico insieme a Cicchitto e ho trovato molto doloroso vederli assumere questo ruolo da Torquemada. Farmi attaccare dall’uomo sulle cui spalle mi sono appoggiato… ".

Ha pianto sulla spalla di Bondi?
"Gli ho confidato le mie perplessità".

Cazzo, Guzzanti che piange sulla spalla di Bondi potrebbe essere una scena di un film di Cronenberg…una roba talmente viscida che manco il pavimento del Palakyoto dopo la fiera mondiale del Bukkake…

BRUS LI' (altro che ciacnorris)

Mi ispiro ad una colta discussione sul Bukkake e sulle altre arti marziali per donarvi questo spaccato di vita vissuta, preso e leggermente modificato da un mio post sul forum di Indymedia.

Premetto il mio totale accordo con il coNpagno Yanez a proposito del Bukkake, sicuramente praticare questa disciplina ti potrà dare soddisfazioni che le altre arti marziali non possono darti:

http://it.wikipedia.org/wiki/Bukkake

http://www.federbukkake.com/
(Attenzione! prima di visitare questo sito leggete di che si tratta nel primo link, se non amate il porno orientale, lasciate perdere 🙂 )

Detto questo, dall’alto della mia inutile frequentazione in gioventù delle palestre capitoline, posso dire innanzitutto che per capire se il tuo senzei è uno per il quale vale la pena di perdere delle ore di sesso-droga-alcol-rocchenroll bastano cinque minuti cinque.
Le arti marziali sono innanzitutto una disciplina "filosofica", se ti si presenta davanti un cazzone tatuato con l’occhio bovino nel quale si legge il gusto di spaccare tavolette a cornate, cambiate palestra.

Sulle tecniche di combattimento "occidentali" tipo il full contact, vi racconto un aneddoto: prima lezione di full-contact, venivo da qualche anno di karate, ma poi mi ero rotto le palle perchè io con "serenità interiore" intendo starmene strafatto o ubriaco sul divano e tutto questo è molto poco "zen". L’istruttore è un figuro con la testa rasata, di 170 cm di altezza, 170 di larghezza e un centinaio di spessore, praticamente un comodino di muscoli, peli e tatuaggi di dubbio gusto. Noto al collo un pendaglio di chiara ispirazione celtico-destriode, che mi ispira in un primo momento un pensiero Zen, chiaro retaggio della mia precedente esperienza nelle arti marziali: "Oddio, ma chi è questa testa di cazzo?".

Poi scosto questo pensiero, bollandolo come un pregiudizio prematuro. Al che il Nostro, ci fa mettere tutti in fila, premetto che nessuno aveva esperienze di combattimenti, al massimo qualche lezione o mese di karate o judo ed esordisce: "So che qualcuno di voi ha già fatto un po’di arti marziali, ecco, la differenza fra le arti marziali e il full contact è il contatto". E tira un calcio in pancia a uno a caso della fila, ovviamente non troppo forte, ma abbastanza per piegarlo in due come una sdraio.
L’annuncio, dopo tre-quattro mesi, che voleva portarci la domenica mattina all’alba a fare ginnastica e combattimento in un parco (era febbraio), ha chiuso il cerchio, l’ho mandato a cacare e ho strappato la tessera della palestra.

Da quel giorno ho deciso di intraprendere seriamente il mio cammino verso la conoscenza, e sono diventato cintura nera di Sake e di Mei Kuei Lu Chiew: