FENOMENOLOGIA DELLA BOVINITE UMANA (Appendice B)

Per chi non sa di che parlo: http://www.sydbarrett76.splinder.com/tag/bovinite_umana

Attualità Politica

Un chiaro esempio di Umanità Bovina ci viene data dal mondo della Politica, ovvero da quel meraviglioso mondo popolato da gente che viene pagata per dimostrare quanto è idiota e per andare in televisione a rendersi ridicola.

Un paio di esempi:

Giuliano Amato ha recentemente dichiarato quanto segue: "si potrebbe impiegare l’antidoping a scuola ad esempio dopo le interrogazioni. Ho spiegato questa mia idea ad un insegnante e mi ha detto ‘ma sei matto…di sicuro arriverebbero i genitori a fare un occhio nero al preside o al professore’. Ma io penso che se lo studente risulta positivo dopo l’interrogazione puo’ perdere punti e l’interrogazione non vale".
Ora, purtroppo Giuliano Amato non è il tipo col fischietto e l’elica in testa che da anni gira per Piazza Barberini a Roma strillando frasi senza senso, ma è Ministro Dell’Interno. Sarebbe troppo facile dire che dopo aver detto una simile idiozia l’antidoping avrebbero dovuto farlo a lui….meno male che lo chiamano il "Dottor Sottile", pensa se lo chiamavano il "Sor Cazzata".

Per tenere alto il livello la sua collega Ministro della Famiglia Rosy Bindi ha invece detto che per un bambino è meglio nascere in Africa che con due genitori dello stesso sesso, e che le adozioni gay sarebbero una "fabbrica di disadattati".
Premesso che nascendo in Africa il sesso dei genitori non è un problema che ti poni, visto che quando capirai il concetto di "sesso" probabilmente i tuoi genitori saranno morti, è strano sentire parlare di "fabbrica di disadattati" da una che è stata nell’Azione Cattolica…fa uno strano effetto….
La cosa più bella è che su Libero Socci, a proposito di Azione Cattolica,  si chiede se la Bindi non stia diventando protestante, in effetti ci pensavo anche io proprio ieri, e sono convinto che anche voi un po’ve lo state chiedendo se la Bindi non stia diventando protestante. Oggi anche il tabaccaio me lo ha detto: "sai, secondo me la Bindi sta diventando protestante". Pensa te che persino sotto la metro uno che distribuiva i giornali mi ci ha fermato: "scusi, ma secondo lei, la Bindi sta diventando protestante?"

La ciliegina sulla torta la mette Mastella, che dice che se il governo mettesse la fiducia sui Dico lui voterebbe no. Ovvio, la guerra è un motivo stupido per far cadere il Governo e chi lo facesse sarebbe un’irresponsabile. I froci, su quello si fa cadere il Governo, sono quelle le crisi di coscienza…..
Spero che la Binetti contagi Mastella e gli faccia mettere il cilicio, in bocca però, per le frustate mi offro volontario io.

—————————–

Segnalo un interessante articolo sui democraticissimi oppositori di Chavez che vengono invitati a parlare dai nostri liberalissimi media e vengono ospitati dai nostri moderatissimi centristi: http://www.gennarocarotenuto.it/dblog/articolo.asp?articolo=993
e http://www.gennarocarotenuto.it/dblog/articolo.asp?articolo=998

OGGI RAZIONE DOPPIA!

Oggi vi somministro una razione doppia di stronzate, contenti? eh? eh?

Scherza coi fanti….

Dopo il pezzo su l’Avvenire in cui si criticavano Crozza, Fiorello e la Litizzetto per i loro sketch satirici (peraltro anche mooolto leggeri) contro i capoccioni del Vaticano, Ratzinger, il suo segretario e Ruini, ieri è sceso in campo proprio il segretario personale del Papa, il George Clooney celeste, Georg Gaenswein il quale ha avuto parole di fuoco contro chi osa scherzare sulle gerarchie vaticane, definendo i programmi in questione di infimo livello, offensivi e invitandoli a smettere (salvo poi ammettere di non averli mai visti, ma si sa, Loro le cose le sanno a prescindere, glielo avrà detto lo Spirito Santo).
Ora, che il Vaticano abbia poco da ridere e molto di cui vergognarsi è cosa nota, gli anche va dato atto che sono se non altro coerenti, dato che avevano anche condannato le vignette su Maometto (alcune delle quali erano decisamente più offensive che satiriche, degne della propaganda nazifascista contro gli ebrei, mentre altre erano divertenti e carine, come quella con Maometto che faceva al kamikaze giunto in cielo "mi spiace, ma abbiamo finito le vergini…") che avevano causato una reazione spropositata e fomentata ad arte per motivi soprattutto politici da estremisti sparsi per il mondo, ma quello che tutti attendiamo è una dichiarazione di Calderoli (scusate il termine), nuovo alfiere della libertà di satira.
Vederlo girare con una maglietta di Crozza, quello sì che sarebbe divertente…..

Livia falla e faccela appizzà!!!

Il ministro Livia Turco ha modificato le tabelle della legge Fini-Giovanardi sulle droghe, raddoppiando la quantità di  principio attivo al di sotto della quale non si viene considerati spacciatori. Ora il limite è di 1g di THC, considerando un fumo di bassa qualità, come quello che si trova comunemente in giro, si passa da circa 5g a 10g (e ce stamo pure larghi).
Ovviamente la Turco non ha toccato le quantità massime consentite delle altre sostanze, lasciando sostanzialmente inalterata una delle leggi più demenziali fatte dal precedente governo.
Quello che fa incazzare è che tutti parlano di un piccolo passo, importante per arrivare al superamento della Fini-Giovanardi. Ma un par di coglioni!!!! Innanzitutto sul programma avevate scritto che l’avreste abolita, ma poi, e mi fanno incazzare soprattutto quelli della sinistra della maggioranza, come fate a parlare di "passo avanti", quando nonostante la modifica la legge è ancora peggiore di quella in vigore prima del governo Berlusconi?
La vecchia legge prevedeva che il consumo non fosse punibile, al di là della quantità, e che dovesse essere dimostrato che uno era uno spacciatore, perchè finisse in galera. Invece dopo la modifica restano la dose massima consentita e la delirante norma che prevede che uno debba dimostrare di non essere uno spacciatore per evitare il carcere.
Quello che certamente non prevederanno di fissare è la "dose massima consentita" relativamente alle cazzate che fanno i politici e ai commenti idioti sulle cazzate stesse da parte di maggioranze e opposizioni.

———————————————
La Domanda di Oggi (pappparaparapaaa)
La domanda di oggi è: "Caruso, mi dici in QUALI fioriere che fra un po’faccio un salto?"

PERA DI TROPPO

"Veltroni è il Sindaco dei buoni sentimenti, ama gli opposti. Ama i bianchi e i neri, i musulmani quanto gli ebrei, gli asiatici quanto gli europei, gli omosessuali e gli eterosessuali, i cattolici come i laici: così non c’è più gerarchia, c’è solo relativismo"

Marcello Pera, ex presidente del Senato, Forza Italia. Dal Manifesto di Oggi.

Che dire, sono sempre stato convintamente antiproibizionista, ma non posso non ammettere che ci sono Pere che fanno bene, altre che fanno male ma almeno sono divertenti, e una in particolare che non fa bene, non è divertente, fa danni anche in piccole dosi, scassa il cazzo continuamente e come se non bastasse gli paghiamo anche lo stipendio: Marcello Pera.

La perla di saggezza che cito all’inizio del pezzo è una dichiarazione dell’ex Presidente del Senato (no, dico, la seconda carica dello Stato) riportata dal Manifesto, che mostra e palesa quanto un essere umano possa immergersi negli abissi del razzismo, dell’ipocrisia, dell’integralismo e dell’incoerenza fino a sublimare la propria essenza più profonda: la testa di cazzo.

Tale dichiarazione lascia intendere che per il Nostro, al contrario di Veltroni che amerebbe chiunque a prescindere dall’appartenenza geografica, etnica o religiosa, ci dovrebbe essere invece una Gerarchia, quindi un ordine, un rapporto di dominio-subalternità fra le "categorie" che egli nomina. Ovvero ad esempio si dovrebbero amare i bianchi più dei neri, gli ebrei più dei musulmani (e immagino i cristiani anche più degli ebrei, no?), gli europei più degli asiatici, gli eterosessuali più degli omosessuali e i cristiani più dei laici. Così sarebbe ristabilita la giusta gerarchia, meglio ancora se la si mettesse nero su bianco, con delle leggi che mettano fine una volta per tutte all’assurda idea dei relativisti che ci possano essere opinioni diverse e magari distanti dalla Verità di Pera.

Ora voglio dire, Veltroni in teoria era comunista, anche se penso che a dirglielo offendi più lui di Bondi, non è un suo problema fare differenze ad esempio di classe fra chi amare e chi no. Non è lui a dover giustificare un suo diverso approccio verso chi è credente e chi è laico. Ma Pera……..

Sono anni che ci fai due coglioni tanti con le Radici Cristiane, con l’Insegnamento di Cristo e tutte ‘ste menate e te ne esci così? Ma non eravamo tutti figli di Dio e Fratelli? Ma non si doveva amare il prossimo come noi stessi? Ma non era il Capellone di Betlemme a dire di amare i nostri nemici? Ora capisco che tu vada d’accordo col Pontefice e gli faccia le prefazioni per i libri, Nazista lui, Nazista te…ma non t’ha spiegato proprio un cazzo?

Tra l’altro, essendo stato la seconda carica dello Stato e avendo giurato sulla Costituzione, dovrebbe ricordarsi anche che nemmeno la Costituzione Italiana fa differenze del genere quando parla dei Cittadini.

Il punto è che Pera si è sempre spacciato per laico, non per cristiano. E ora si capisce meglio, alla luce di questo ultimo delirio che le Radici Cristiane erano solo un ottimo pretesto per marcare un’altra linea fra "noi" e "loro", fra chi la "gerarchia" mette in alto e gli "inferiori". Pera è uno schifoso razzista, della peggior specie, al livello dei Nazisti o dei colonialisti Occidentali, lui che scrive i manifesti in difesa proprio dell’Occidente.

Che dire, cito il saggio fantom che commenta "forse con qualche pera in meno sarebbe meno confuso", e rilancio dicendo che forse con qualche pera in più sarebbe meno molesto.

P.S. la dichiarazione è riportata sul Manifesto di oggi, ma non solo la riporta anche il Giornale, non propriamente organo delle menzogne dei comunisti http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=91931

——————————–

Non posso oggi non segnalare questo sito: "Ci vergognamo per loro – Vergognose citazioni di persone senza vergogna" http://vergogna.splinder.com/

Campagna di rimozione dei crocifissi dai luoghi pubblici: http://www.uaar.it/uaar/campagne/scrocifiggiamo/

QUIETE PUBBLICA

Il Sindaco di Bologna Sergio Cofferati continua nel suo tentativo di accreditarsi quale candidato premier per il Centrodestra alle prossime politiche del 2011 (o del 2007, dipende da come butta). Persino Fini inizia a temere per la sua poltrona di DVCE di AN, vista la ferrea opposizione del Cinese (che sta anche pensando di ricondurre all’Ordine e all’Asse il proprio soprannome mutandolo in "il Giappponese") a praticamente tutto ciò che non sia "a modo e perbene", dalle occupazioni alla street parade antiproibizionista, fino ad arrivare all’ultima recente chicca: il coprifuoco per i locali all’una.

Praticamente il Cinese, oops, il Giapponese, sempre preoccupato che si mantenga un adeguato livello di impagliamento della città, ha recentemente proposto che i locali che vendono alcoolici chiudano non più tardi dell’una per eliminare gli schiamazzi notturni che tanto infastidiscono la cittadinanza.

Da un lato si può dire che visto l’invecchiamento complessivo della popolazione tutto ciò ha un senso: consegnamo definitivamente il paese agli anziani, facciamo in modo che anche i ventenni passino il loro tempo libero al parco ingozzando satolli piccioni,  intavolando interessantissime discussioni sul fenomeno del passaggio multiplo dell’autobus ("pensi che ieri ho aspettato il 25 per mezz’ora e poi ne sono passati due insieme") oppure sui bei tempi andati (il 1992).

E allora vediamo un po’ le proposte del solerte Sindaco della terza età per modernizzare Bologna e darle finalmente la sua dimensione naturale di Reparto Geriatrico:

– Divieto tassativo del giuoco del Pallone in tutto il territorio comunale, lo Stadio Dall’Ara verrà trasferito a Collecchio e i vigili urbani avranno facoltà di bucare ogni pallone verrà fatto rimbalzare in qualsiasi modo.

– Imposizione di un blocco a tutti gli apparecchi stereo, in modo da impedire che la musica sia udibile a più di 40cm dalle casse. Gli apparecchi sprovvisti di tale dispositivo saranno considerati illegali, e il loro possesso sarà punito con la reclusione da 6 a 20 anni. Non è prevista alcuna soglia per l’uso personale.

– Divieto tassativo di circolare con "Motorette", soprattutto se smarmittate, tranne che dalle 11.00 alle 13.00 di Domenica, quando tanto si sta tutti alla Messa che diventerà OBBLIGATORIA.

– Depenalizzazione dello "scappellotto" per tutti i cittadini al di sopra dei 60 anni, che così potranno contribuire attivamente al rispetto della legge da parte dei giovinastri.

– Istituzione della Giornata Comunale della Cateratta

– Istituzione del "Poliziotto del Cittadino", ovvero verrà assegnato per ogni cittadino un poliziotto che lo seguirà 24 ore al giorno per accertarsi che rispetti la legalità, il decoro, il buoncostume e che non dica parolacce.

– Processioni OBBLIGATORIE ogni domenica alle 5.30 (tantoi a l’una si è andati tutti a dormire) alla Madonnina di S. Luca con comizio di Casini.

L’unica deroga all’impostazione di questi provvedimenti sarà la possibilità per ogni cittadino over 70 di installare in casa a spese del comune un impianto di amplificazione per il proprio televisore modello "Pink Floyd a Venezia", in modo che il povero cittadino ormai carente d’udito possa sentire agevolmente Pippobaudo, Magalli e l’Angelus a un volume atroce ma necessario per la corretta comprensione dell’ininterrotta fiumana di cazzate profuse da Raiuno. Ovviamente la necessità dell’anziano con problemi di udito è anteposta a quelle della popolazione delle province di Bologna, Ferrara, Reggio, Torino, Aosta, Cagliari, Catanzaro dove il suono del mostruoso impianto arriverà comunque limpido e comprensibile, e non sia mai gli facesse bene, tanto prima o poi si invecchia tutti.

———————————————

Le segnalazioni di oggi:

Testi di canzoni atee
http://www.uaar.it/ateismo/canzoni/

Effetti della FIni – Giovanardi
http://www.fuoriluogo.it/archivio.php

INTOLLERANZA

Ancora una volta Noi Cristiani abbiamo dato prova di come sappiamo essere tolleranti e aperti, a differenza degli Islamici Cattivoni che discriminano gli omosessuali.

In quel di Mosca, nella notte fra il 30/04 e il 01/05, un simpatico drappello di estremisti della Destra Russa e di militanti fondamentalisti Ortodossi hanno organizzato un comitato di benvenuto davanti ad un locale dove era in programma una serata per Gay e Lesbiche. Il comitato ha accolto gli avventori del locale con grida e cori beneaugurali, tipo "Russia senza pederasti", e con i tradizionali lanci di bottiglie che hanno provocato qualche accidentale, suvvia, ferimento.
Un uomo è stato picchiato da tre persone che lo hanno mandato all’ospedale, mentre la Polizia russa non è intervenuta per impedire nè la manifestazione, nè il lancio di oggetti, nè il pestaggio.

Questo è quello che Repubblica riporta a proposito di ciò che ha dichiarato Igor Artiumov, leader dell’ "Unione di tutti i russi" e presidente del "Comitato di Benvenuto e Linciaggio": "Dato che organizzano un festival fino al 9 maggio, noi organizzeremo questo tipo di azione ogni volta che faranno le loro orge. Protestiamo pacificamente contro questo peccato che non deve proliferare, contro le loro orge, contro questi sodomiti che strisciano come scarafaggi". Parole di tolleranza, ben diverse da quelle che vengono cntinuamente riportate ed amplificate da tutti i giornali quando qualche imam parruccone spara cazzate per farsi un po’di pubblicità.

Purtroppo i giornali e i telegiornali non hanno dato il giusto risalto alla notizia, perdendo un’occasione per rimarcare quanto diverso sia l’atteggiamento degli estremisti religiosi Cristiani rispetto agli altri, tipo i Musulmani, tanto per fare un esempio a caso. D’altronde si sa che i media tendono sempre a parlare più delle cose brutte, amplificandole a dismisura e trasformando una sparata di un fondamentalista islamico da operetta tipo Adel Smith in un caso nazionale, e provocando giustamente reazioni e commenti a catena per giorni e giorni, manifestazioni, fiaccolate magliette leghiste e cazzate varie.

Invece di questo episodio edificante non ne ha parlato nessun TG, è passato rapidamente su qualche giornale online, subito scalzato dalla homepage da notizie ben più importanti, tipo lo stage premondiale degli Azzurri al quale partecipano tutti i giocatori che Lippi non porterà ai mondiali, tipo Tavano ed Esposito. Strano, eh?

———————————————————————————————-

vi segnalo un paio di articoli interessanti e un’iniziativa:

Nazionalizzazione degli Idrocarburi in Bolivia, da www.altrenotizie.org:
http://tinyurl.com/juhrd

6 MAGGIO 2006ROMA P.zza della Repubblica ore 16MILLION MARIJUANA MARCH
http://www.millionmarijuanamarch.info/

Chi è veramente il terrorista? Da www.Zmag.org
http://www.zmag.org/Italy/levy-chieterrorista.htm

COGLIONI

Una piccola proposta per coloro come me che voteranno per uno dei partiti dell’Unione nonostante non siano propriamente "affascinati" dal parroco di campagna Prodi e dal suo programma.

Mi sono detto: "Che palle, io li voto solo perchè non reggo più il Nano e la sua cricca e questi si beeranno anche del mio consenso, almeno voglio farglielo presente, anche se non serve a un cazzo…."

Ho deciso che se vinceranno le prossime elezioni, avranno 5 anni per farsi rieleggere, non avranno più bisogno del mio voto nel 2011, e se non sarà così sarà colpa loro e di nessun altro.

Ho quindi deciso di spedire questa "lettera" a tutti gli indirizzi di partiti e giornali di centro-sinistra che ho trovato (li trovate alla fine, copia-incollateli nel campo "to" o "a" della vostra mail), se siete d’accordo fatelo anche voi, e girate questa mail a più gente possibile. Non serve a nulla ma almeno avrete la coscienza a posto….

Gentili Sig.ri dell’Unione,
sono uno dei tanti "coglioni" che il 9 e 10 Aprile voterà per uno dei partiti della vostra coalizione, sono una persona di
Sinistra, per qualcuno, anzi per molti un "massimalista" o un "estremista".
Non mi piace il vostro programma, ma vi voterò.

Non mi piace la vostra posizione ambigua e altalenante sulla guerra e sulle guerre, non mi piacquero la vostra scelta di appoggiare l’intervento USA in ex-Jugoslavia nè gli agghiaccianti deliri sul presunto Ulivo mondiale insieme a gente come Clinton e Blair, nè mi piace il vostro atteggiamento, meno servile rispetto a Berlusconi e Martino ma comunque servile, nei confronti degli Stati Uniti d’America. Ma vi voterò.

Non mi piace l’appoggio alle politiche liberiste che caratterizza una parte maggioritaria della vostra coalizione, che in Europa vota la direttiva Bolkestein, che è favorevole alla liberalizzazione di servizi che dovrebbero garantire diritti come l’acqua, che va a braccetto con le lobbies economiche e bancarie e che riceve sostegno politico persino dai galantuomini di Confindustria. Non mi piacque il pacchetto Treu che introdusse una precarietà selvaggia nel mercato del lavoro, nè mi piace sentire i discorsi di quella stessa parte della coalizione che parla solo di "modifiche" della legge 30. Ma vi voterò.

Non mi piace lo "zerbinismo" cronico nei confronti di Ruini e compagnia da parte dei "centristi" dell’Unione (DS inclusi), l’esaltazione acritica e qualunquista fatta del passato Pontefice da parte di tutti i partiti (inclusi gli pseudo-comunisti di PRC e PdCI) che per seguire la "corrente" hanno scordato Pinochet, l’Opus Dei, l’opposizione alla contraccezione e le discriminazioni di omosessuali e coppie di fatto. Ma vi voterò.

Non sopporto la presenza nella vostra coalizione di gente che è stata responsabile per decenni dello sfascio politico, morale, sociale ed economico del paese, come i De Mita, gli Intini, i Bianco. Non sopporto che si definisca "di Sinistra" un partito come la Rosa nel Pugno, che è presidenzialista quanto AN, liberista e filo americano quanto Forza Italia, solo perchè è uno dei pochi partiti a parlare di laicità dello Stato e Antiproibizionismo. Non sopporto la tendenza di tutti i politici della vostra coalizione ad andare dietro ad ogni cazzata che spara Berlusconi invece di parlare di cose serie, contribuendo all’instupidimento politico della popolazione, nè sopporto il continuo e idiota presenzialismo televisivo (qualcuno dica a Pecoraro Scanio di non guardare sempre in camera come Cucuzza). Ma vi voterò.

Non sopporto la tendenza dell’ala sinistra della vostra coalizione di cercare di mettere il cappello su tutti i movimenti possibili e immaginabili per raccattare voti, salvo poi prendere le distanze non appena qualcuno esce dal "politically correct" dicendo cose sacrosante, come che Quattrocchi era un mercenario e che Nassiryia fu un atto di guerra contro una forza occupante, ma che non vanno bene per far bella figura al TG5. Trovo anche squallido che per cercare di raccattare voti fra chi crede poco alla politica istituzionale si candidi gente che sta nei movimenti sociali come i democristiani stavano in parlamento, tipo Caruso. Ma vi voterò.

Vi voterò UNICAMENTE per non avere più al governo i razzisti della Lega, gli affaristi e P2isti di FI, i mafiosi dell’UDC, i fascisti di AN e Alternativa Sociale; per non avere più un governo che fa una legge sulle droghe che se applicata manderebbe in galera metà dei giovani italiani, per non dover essere preso per il culo da tutto il mondo perchè il Presidente del Consiglio si comporta come un ragazzino in gita scolastica e che impegna il parlamento a curare i propri interessi economici e giudiziari, per non avere un governo che legalizza l’omicidio in difesa "della roba" o che insulta quotidianamente due miliardi di musulmani e un miliardo e mezzo di cinesi, per non avere in parlamento una maggioranza che rimpiange Mussolini e che preferisce i fascisti ai partigiani, per non dover vedere il mio paese rappresentato da gente come la Mussolini, Tremaglia, Calderoli e Borghezio.

Se con il mio voto vincerete le elezioni, avrete 5 anni per governare e stare al potere, comode poltrone e lauti stipendi. Ma non avrete più il mio voto, starà a voi meritarvi in 5 anni i voti degli altri elettori, e sarà vostro l’onere di farmi cambiare idea, eventualmente.

Io Domenica vi voterò perchè credo non si possa fare altrimenti, ma nel 2011 spero di poter non dover essere più così coglione, e spero che voi mi abbiate dato un motivo per votarvi, con un minimo di convinzione.

Un Coglione

scrivi@perlulivo.it; larepubblica@repubblica.it; repubblicawww@repubblica.it; rubrica.lettere@repubblica.it; unitaonline@unita.it; lettere@unita.it; politiche@unita.it; contatti@dol.it; m.marcelli@dsonline.it; redazioneweb@dsonline.it; f.mercuri@dsonline.it; p.porciello@dsonline.it; ambiente@dsonline.it; terzosettore@dsonline.it; entilocali@dsonline.it; progetto@dsonline.it; comunicazione@dsonline.it; diritti.civili@dsonline.it; donne@dsonline.it; formazionepolitica@dsonline.it; giustizia@dsonline.it; infanzia@dsonline.it; informazione@dsonline.it; innovazionepa@dsonline.it; esteri@dsonline.it; lavoro@dsonline.it; mezzogiorno@dsonline.it; organizzazione@dsonline.it; cultura@dsonline.it; sapere@dsonline.it; scuolaformazione@dsonline.it;
universitaricerca@dsonline.it; tesoriere@dsonline.it; welfare@dsonline.it; agricoltura@dsonline.it; mailing_cods@dsonline.it; elettorale@dsonline.it; immigrazione@dsonline.it; protezionecivile@dsonline.it; sinistraecologista@dsonline.it; sede@margheritaonline.it; areaorganizzazione@dlmargherita.it; web_info@radicali.it; segreteria.roma@radicali.it; socialisti@sdionline.it; enricoboselli@sdionline.it; carlocorrer@socialisti.org; gianfrancodottavio@sdionline.it; antoniodipietro@antoniodipietro.com; segreteria@antoniodipietro.com; italiadeivalori@antoniodipietro.it; info@italiadeivalori.info; redazione@italiadeivalori.info; chat@verdi.it; info@verdi.it; elettorale@comunisti-italiani.org; lettere@corriere.it; redazione@ilmanifesto.it; lettere@ilmanifesto.it; redazione@ilriformista.it; direttore.italiasera@libero.it; posta@liberazione.it; politica@liberazione.it; prioritaria@ilmessaggero.it; cronaca@ilmessaggero.it; lettere@metroitaly.it; lavostraemail@rai.it; quotidiani@rcs.it; cityroma@rcs.it; invideoveritas2@gmail.com; segnalazioni@beppegrillo.it; stampaweb@lastampa.it; lettere@lastampa.it; portale@ansa.it; webinfo@adnkronos.com; redazione@apcom.it; tg3@rai.it; tg3politico@rai.it; espresso@espressoedit.it; fausto.bertinotti@rifondazione.it; daniela.santroni@rifondazione.it; paolo.ferrero@rifondazione.it; imma.barbarossa@rifondazione.it; organizzazione.prc@rifondazione.it; loredana.fraleone@rifondazione.it; mastella@clementemastella.it; info@popolariudeur.it;