Di nuovo sul treno per Roma, come diceva uno che non mi ricordo, "la cosa più bella di Milano". Il viaggio promette male: leggero ritardo, sosta a Rogoredo, il bar della stazione ha finito le ceres e al mio posto, tra l'altro uno di quelli belli senza vicino, un posto singolo in frecciarossa, c'è una tipa con l'iPad.
"Scusi, credo quello sia il mio posto". Guarda il 15, altro singolo dall'altro lato della carrozza.
"Non può provare quello che è vuoto, vero? Vuole proprio questo…"
La guardo gelido, convinto che abbia anche la Smart, oltre all'iPad, reprimendo l'istinto di colpirla fortissimo con la borsa nella quale ho nell'ordine una cartellina, un ombrello, un pc portatile, un mazzo di chiavi e una bottiglia di becks. Mi trattengo solo per salvare la becks.
"Beh, se arriva il proprietario di quello non voglio alzarmi io".
Per cattiveria una volta accomodatomi le chiedo di guardarmi la roba, che devo andare a pisciare. Torno che ovviamente parla al cellulare dei cazzi suoi a voce altissima, non sia mai che  qualcuno possa non voler sapere che una sua amica che si è lasciata con il tipo usa la sua crisi passata per curare la propria. Penso che se bevo la becks forse dopo posso colpirla con la bottiglia.
Mi siedo e mi viene in mente che dopo una decina di volte che sono salito a Milano la conoscenza che ne ho è limitata a: stazioni Centrale e Porta Garibaldi con i rispettivi rivenditori di alcoolici, il sedile posteriore di un paio di dozzine di taxi, i peggiori bar che ho trovato nei dintorni degli alberghi in cui ho dormito, la metropolitana, un paio di locali carissimi e qualche ristorante sopravvalutato e arredato in maniera imbarazzante.
Lo skyline che ho in mente sono i cantieri dei grattacieli che stanno costruendo per l'expo. Per dire: il Colosseo, il Taj Mahal e i grattacieli dell expo..
La cosa migliore di MIlano è il treno per Roma, se sono da solo, che posso far finta di lavorare con la chiavetta aziendale, rispondendo a un paio di mail, ma ho un po'di tempo per scrivere, che qui su 'sto blog non ci scrivo praticamente più. Ah, mi dice un mio amico che splinder chiude, da gennaio. Dice che "freezano" i blog e fanno un redirect. Spero non sia pericoloso né contagioso. Però prima o poi dovevano prendere atto del fatto che se non scrivo più sul blog possono anche chiuderlo 'sto cazzo di splinder. Io intanto mi organizzo per un nuovo blog su cui non scrivere.
 
Ah, Davide, nel caso in galleria non avesse preso il cellulare, lei arriva per le novemmezzadiecimenunquartodieci, se non la ammazzo a bottigliate io prima di FIrenze.

Annunci