Lo sciacallaggio degli integralisti cattolici sui bambini malati

Io, ateo

Prima era Charlie Gard, il bambino affetto da una grave e incurabile malattia mitocondriale, adesso è Alfie Evans, un altro bambino nato in stato semi-vegetativo e con una malattia neurodegenerativa non del tutto compresa. Due casi diversi dal punto di vista medico, ma con alcune evidenti analogie. Da un lato, la lotta dei genitori per mantenere in vita artificialmente i loro figli, nonostante il parere contrario dei medici, che ritenevano o ritengono un inutile accanimento terapeutico proseguire le cure; dall’altro lo sciacallaggio degli integralisti cattolici sulla pelle di questi poveri bambini.

Che i genitori non accettino il parere dei medici e vogliano continuare a tenere in vita i propri figli, ammesso che si possa chiamare vita quella vissuta in stato di incoscienza attaccati a delle macchine, è ovviamente del tutto comprensibile. Pur non avendo figli, non mi è difficile immaginare che lasciar morire il proprio bambino sia una decisione…

View original post 438 altre parole

Annunci