NUN JE DA' RETTA ROMA…

* *

Stamane ho avuto modo di assistere all’ennesimo esempio di falsificazione della realtà a mezzo stampa (oddio calcolando che sto a parla’ di Leggo "stampa" è una parola un po’ forte, mi rendo conto…).

Le notizie sono queste due:

Attacchi ai cristiani, 14 morti in Kashmir.

Ohibò, finalmente! No, vabbè, scherzi a parte, leggendo il titolo uno capisce che 14 cristiani sono stati uccisi in Kashmir, giusto? Poi ti vai a leggere l’articolo e, sorpresa!

"
Almeno 14 persone sono state uccise negli scontri con la polizia, oltre un centinaio i feriti e gravissimi danni a edifici e proprietà governative. Una scuola privata appartenente a una chiesa missionaria protestante nel distretto di Baramulla è stata data alle fiamme stamattina da una folla inferocita che ha «impedito ai vigili del fuoco di raggiungere l’edificio di legno» come ha riferito l’agenzia cattolica Asianews."

Un po’diverso, no? Ci sono state proteste a cui sono seguiti scontri con la polizia in cui sono morti 14 manifestanti, contestualmente a queste proteste una scuola è stata data alle fiamme. Che è un po’diverso da una folla di fanatici che cerca di Ruandizzare il Kashmir aprendo la caccia al Cristiano (attività peraltro meritevole di essere inserita fra le discipline olimpiche).
Poi uno dice, ma vabbè, te te vai a legge quei giornalacci…a parte che quei giornalacci sono la robaccia più letta sui mezzi pubblici delle principali città italiane, non è che Repubblica e gli altri siano tanto meglio, provate a fare un giro. (Fanno eccezione come sempre il Manifesto e, ammetto che mi ha sorpreso, il Fatto).

Altra notiziuola buttata là sembra apposta per dare un’immagine fuorviante della realtà:

"Le pulizie? No,grazie, preferisco il marciapiede"

"
Romene, ragazze madri, di circa 23 anni, con un guadagno mensile tra i 5.000 e i 7.000 euro al mese e un livello culturale medio. Arrivano in Italia grazie al passaparola delle amiche e ci restano in media 2 anni, ma qui spesso rifiutano lavori da mille euro al mese come quello della colf. Alcune di loro aspirano ad iscriversi all’università del proprio Paese. Questo l’identikit delle lucciole a Roma, secondo quanto emerge da uno studio sulla prostituzione condotto dalle psicologhe della Questura di Roma.
Le interviste informative, a cui le prostitute consenzienti sono state sottoposte
, hanno evidenziato che nella maggior parte dei casi i figli delle squillo sono affidati alle famiglie d’origine, che vivono in Romania. In media restano in Italia due anni, con l’obiettivo di tornare nel proprio Paese, dove alcune di loro vorrebbero poi iscriversi all’università. I parenti, che ricevono benefici economici, in numerosi casi non sanno della loro vera attività svolta in Italia. Loro non hanno la percezione del rischio a cui si espongono: non hanno paura di contrarre malattie, nè di incappare in clienti violenti. Le intervistate non smetterebbero di prostituirsi, se non per un’attività più redditizia, e comunque non nell’immediatezza. In pochi casi emerge una condizione di sfruttamento. Qualcuna ha detto di essersi già prostituita in Spagna o di aver comunque lavorato in locali a luci rosse in Germania o in altri Paesi europei. "


Beh, mi sembra affidabile come ricerca. Tranquilli, continuate pure ad andare a puttane, tanto alle rumene je piace…so’ tutte un po’ mignotte. Complimenti anche alla Questura.

Annunci

2 risposte a “NUN JE DA' RETTA ROMA…

  1. Ma come Syd non lo sapevi?le prostitute straniere anzitutto tolgono il lavoro alle libere professioniste italiane, che vorrebbero tanto stare in strada al freddo e invece sono obbligate a fare le escort in appartamento. Senza poi valutare l'importanza di avere un magnaccia pistolamunito che a colpi di spranga tiene alta la tua produttività in modo che per nessun motivo ci si possa appanzare e contrarre quella che viene chiamata in gergo la "Sindrome di Pretty Woman".E poi scusa….chi mai preferirebbe far le pulizie in un anonima casa piuttosto che ricevere degli spesso enormi e non richiesti Swanstucker, mal destri dal tuo datore di lavoro e se ci scappa pure una bella malattia venerea?Altro che calciatori! Le escort italiane dovrebbero sciperare…cò ste straniere che gli vengono a rubare il lavoro….

  2. "le prostitute straniere anzitutto tolgono il lavoro alle libere professioniste italiane"vabè, a quelle un lavoro je se trova, se possono buttà in politica  =)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...