L'INDECENZA IN PRIME TIME


Voglio cominciare con due considerazioni serie. La prima è che non ne posso più di vedere in giro la faccia di Eluana Englaro, questa morbosa ostentazione del volto di come era prima dell’incidente è parte dello stupro continuo a cui quella poveraccia è stata sottoposta per 17 anni. Se c’è una cosa di cui possiamo accusare il padre Beppino forse è quella di aver consegnato quelle immagini alla stampa, che ne ha abusato in maniera morbosa e indecente. Oggi sulla metro sembrava di stare in un film di Romero…

La seconda riflessione è che il sollievo per Eluana, che alla fine ha evitato che venisse prolungata quella che il padre ha più volte definito "una violenza inaudita", non ci deve distrarre da due aspetti fondamentali della vicenda: dal fatto che col pretesto di Eluana stanno per approvare una legge che impedirà a chiunque di lasciare scritta la propria volontà di non subire lo stesso accanimento che la Englaro ha dovuto subire, oltre che dal fatto che il caso Englaro è stato utilizzato come ariete da parte del piduista che presiede il Consiglio dei Ministri per dare una bella mazzata alle Istituzioni dello Stato Italiano e alla sua Costituzione, con l’appoggio di fatto dell’opposizione parlamentare, PD e IDV (che cazzo significa "lasciamo libertà di coscienza"? non puoi lasciare libertà di coscienza su un voto fatto per impedire l’applicazione di una sentenza della Corte Costituzionale e contro il Presidente della Repubblica…. che fai lasci libertà di coscienza anche se chiede al Parlamento di votare se lo vogliamo fare Re o no?).

Ora passiamo a cose più facete, come i rappresentanti delle Istituzioni dello Stato Italiano. La notizia della morte di Eluana era troppo ghiotta perchè non si scatenassero avvoltoi e sciacalli, nel più classico dei casi in cui la tragedia si tramuta in farsa, cosa inevitabile in un Paese da operetta come il nostro.

Ieri sera è andata in onda l’ennesima puntata del reality più squallido del pianeta: la Repubblica Italiana. L’annuncio della morte di Eluana è stato accolto al Senato con un minuto di silenzio (durato come al solito 20 secondi), a cui è seguita una sequela di interventi degni del peggior livello del Bagaglino.
Melodrammatico il Ministro Sacconi, che ha chiesto ai senatori di andare avanti con le votazioni "perchè il sacrificio di Eluana non sia vano".
Quagliarello (PDL) tra il lusco e il brusco, sostenendo che la ragazza non fosse morta ma fosse stata uccisa, dà implicitamente dell’assassino al Presidente della Repubblica. Poi dicono Di Pietro….. Comunque ne prendo atto, non mi farò problemi a dare dello stronzo al Presidente del Consiglio, ‘sto stronzo.

Come spesso gli capita la figura peggiore la fa Gasparri, che ormai ha superato alla grande l’imitazione che ne fa Neri Marcorè. In aula accusa pesantemente Napolitano di avere sulla coscienza Eluana, così pesantemente che persino Fini gli ha dato dell’irresponsabile (e implicitamente dell’imbecille), per poi presentarsi al TG2 facendo finta di asciugarsi una lacrimuccia, manco fosse la Magnani. Che uomo, peccato non lo abbiano fatto nuovamente Ministro. Se lo meritava. Almeno quanto la Carfagna. Oddio, in effetti non so se se lo sia meritato come la Carfagna…a questo punto non so più nemmeno se fosse una lacrima…

A corollario il commento di Berlusconi riportato dalle agenzie: "è stata impedita l’azione del governo", non si capisce se stesse commentando il Lodo Alfano, il decreto Sicurezza o la morte della Englaro, tanto è uguale.
Oddio, dopo l’uscita agghiacciante sul fatto che Eluana potesse avere ancora figli temevo potesse dire qualcosa tipo "eh, vabbè, ma due colpi glieli darei ancora".

Leggo sul blog di mazzetta che da Vespa insinuavano che fosse stata avvelenata, dato che era "una ragazza che stava bene" e che è morta prima del previsto. Già, una ragazza che stava bene, che poteva avere dei figli, magari lanciarsi col paracadute….porcodio, non lo sapevo che lo stato vegetativo era un po’come la pubblicità del Nuvenia Pocket….
Sul Corriere della Sera invece sostengono una tesi evidentemente opposta, dato che fanno una descrizione del corpo di Eluana degna di un film di David Cronenberg, non la linko e non la riporto perchè è veramente troppo.

Di fronte a tutto questo, mi spiace per Mentana, il Grande Fratello non era un spettacolo tanto schifoso, anzi.
Meno male che mi ero affittato un film, The Hamiltons, un horror non male su una famiglia di serial killer, sicuramente meno terrificante di Buttiglione ospite da Vespa.

Vi lascio con una nota di allegria: un po’di riflessioni di George Carlin sulla morte. Ci vediamo al prossimo post, se ci arrivo. O se ci arrivate voi.


Annunci

9 risposte a “L'INDECENZA IN PRIME TIME

  1. In questo squallido paese non passeranno due mesi che qualche invasato riferirà di aver visto l’immagine di Eluana e qualche altro squilibrato aggiungerà che è vero e che ha riconquistato l’uso di una gamba o della vista o chissà che altro. La chiesa ci penserà un pochino e poi avvierà la causa di beatificazione e in parlamento i paladini della Vita andranno con una spilla con la faccia della povera morta…

  2. …….e tra un miracolo ed una beatificazione nessuno si accorgerà che avremo le pezze al culo già consunte e qualche famigliare in galera per adunata sediziosa o per furto di un chilo di mele….

  3. berlusconi probabilmente sperava forse che una banda di scoppiati violentasse pure ……………………

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...