UN PAESE MUTILATO


Avevo detto che il simbolo della Sinistra Arcobaleno (continuo a rifiutarmi di chiamarli "La" Sinistra "l’" Arcobaleno) sembrava il logo di un campeggio per bambini autistici, e alla fine più o meno quello che è successo lo conferma. Non sono bambini autistici, ma è un Paese mutilato. Je manca tutta la parte Sinistra.

Credo che per vedere un Parlamento senza nemmeno un deputato di Sinistra occorra tornare indietro ai tempi del Fascismo, e questo dà l’idea di quanto siamo inguaiati. Il PD non ha sfondato, doveva prendere voti al Centro per vincere le Elezioni e invece ha solo drenato il "voto utile" (utile a che poi….bah….) della Sinistra, raggiungendo solo l’obiettivo (non dichiarato ma palese) di eliminare quella che per i dirigenti Piddini era una zavorra, ma per il resto è stato un fallimento, inutile ricamarci sopra.

Adesso c’è da guardarsi intorno, fra le macerie, rendersi conto che l’Italia continua a slittare a destra (basta vedere come si è passati in poco tempo da uno scontro PCI vs. DC, quindi centro contro Sinistra, a uno scontro PD vs. PdL/Lega, quindi centro contro destra) e capire che una parte della colpa è proprio della Sinistra Italiana.

Perchè diciamocelo, dal 1989 ad oggi hanno fatto una serie di stronzate che a volerlo fare apposta non si sarebbe nemmeno potuta immaginare.
La prima per me è quella di aver rinunciato alla propria identità, e lo dico da sempre, alleandosi con quelle forze che erano "il nemico" fino a poco tempo prima. La seconda, e quella peggiore, è stata quella di aver continuato ad affidarsi per anni a dirigenti incapaci e inconcludenti, che hanno portato avanti una Linea spesso demenziale.

Abbiamo il Partito Verde più inconsistente (sotto tutti i punti di vista) d’Europa, un Partito Comunista che è nato dall’ennesima scissione per di più sull’appoggio a una guerra Nato, il cui Segretario è riuscito a tirare fuori la cazzata che voleva la salma di Lenin in Italia. Di Rifondazione poi non ne parliamo: si sono trasformati in un Circo cercando di raccattare (con scarso successo) i voti dei Movimenti, lasciando per strada quello dei Lavoratori, che sono stati lasciati al facile razzismo e alla demagogia della Lega o di Berlusconi.

Ognuno deve fare il suo lavoro, i Movimenti devono influire sull’opinione pubblica e lavorare nel territorio su determinati temi, la Sinistra Istituzionale deve offrire un’alternativa Politica e parlare soprattutto ai Lavoratori e alle Classi Popolari. Invece si è cercato di cavalcare i Movimenti perchè qualche anno fa erano capaci di portare in piazza un sacco di gente, senza calcolare che in quell’area c’è comunque un forte scetticismo verso la Politica Istituzionale, e non si è nemmeno provato a stare vicini ai Lavoratori, a spiegare che il problema non sono gli Immigrati, a dare risposte sui salari, sull’economia, a dare alternative sui consumi e sui modelli di vita, salvo poi appoggiare i governi di centrosinistra.
Risultato? I Movimenti non votano a Sinistra perchè la vedono troppo compromessa (e te credo, dopo le schifezze che hanno votato quando erano al Governo…), mentre i Lavoratori non la votano perchè non ci vedono nulla di comprensibile e di utile.

E allora? E allora a casa. E’ ora che Bertinotti, Pecoraro Scanio, Diliberto, Giordano, Mussi tutta ‘sta gente insomma, se ne vada a fanculo, è ora che chi vuole il "nostro" voto si faccia di nuovo vedere per strada, nelle fabbriche, negli uffici, nei sindacati.

Nel frattempo ci sono due alternative per noialtri: chi ci crede ed è ottimista può darsi da fare per ricostruire la Sinistra in Italia nelle piazze e nei luoghi di Lavoro, chi non ci crede o è pessimista può sempre, citando Uolterueltroni scegliere non quale Partito ma quale Paese.

Comunque il Premio "Fenomeno delle Politiche 2008" va senza dubbio al trio Ferrando – Rossi – Turigliatto (nell’ordine Partito Comunista dei Lavoratori – Lista Per il Bene Comune – Sinistra Critica): 3 dissidenti di 2 Partiti della Sinistra che vanno alle Politiche con 3 liste separate per prendere insieme meno del 1%. Complimenti…

Annunci

24 risposte a “UN PAESE MUTILATO

  1. e mi ci trovi d’accordo..pienamente!
    almeno così il fatto che la sinistra in italia non ci sia (almeno) da un ventina d’anni sarà palese per tutti.
    PD (e non è una sigla politica..pd)

  2. Ho una piccola roulotte vecchia di 32 anni verde saponetta palmolive (ma ancora abitabile…) parcheggiata in una piazzola autosradale alla periferia di copenaghen. Affitto a prezzo politico (1 corona danese) per tutta la durata del governo b… (no il nome no!!! altrimenti sto male) a max 2 emigranti italiani. Animali ( con 4 zampe, 1 coda e 2 orecchie e possibilmente un po’ di pelo, ratti esclusi) ammessi. Astenersi perditempo. Per contatti chiedere all’autore del blog

  3. E ‘ndo ‘sta questa roulotte? A Christiania? Frikkettone!! ;D
    P.s.
    @syd : comunque il senso del “non si sa mai che riscopra le piazze” era proprio quello che hai inteso : un auspicio. Non sarebbe il primo governo infame che cade IN PIAZZA: è successo a Tambroni quasi 50 anni fa, è successo la prima volta al nano, e sia pure in tempi così miserabili per lavoratori, sindacato, sinistra in genere, è successo quando si voleva toccare lo statuto dei lavoratori.
    Se i dirigenti brancolano nel nulla, bhè, cazzi loro: checchè ne pensi Grillo, non è vero che chi vota il piduista o il brucia-zingari o il nonex-fascista sia migliore di chi lo rappresenta.Spesso però questo postulato è vero per la base (e gli astenuti) di sinistra.
    Mancano 10 giorni al 25 aprile. L’odioso cameriere di Salò-Arcore si diceva soddisfatto “per la fine della sinistra” pensando probabilmente “della repubblica nata dalla resistenza”.
    Facciamogli una sorpresa.
    Bard

  4. A sinistra serve una dozzina di rivoluzioni copernicane.

    Per non essere quello che tira il sasso e nasconde la mano, faccio outing: ho votato PD a queste elezioni. L’ho fatto perchè non mi sentivo rappresentato minimamente dalla SA e perchè nonostante lo schifo che provi per il partito di Veltroni, un “miracolo” elettorale mi avrebbe fatto comunque godere come un riccio per la fine biologica, oltre che politica, di Berlusconi (avete presente i nazisti che si sciolgono alla fine dei “Predatori dell’Arca Perduta”?).
    Quello che i voti di chi ha fatto la mia scelta hanno ottenuto, invece, è di portare a compimento dopo decenni il progetto della P2.
    Vabbè, pazienza, prima o poi doveva succedere. Non mi pento, i Pecorari non potevano pretendere un voto motivato da altro che compassione.

    Che dire, aspettiamo Nichi Vendola al varco… chissà se la farà lui la rivoluzione copernicana?

    Cachorro Quente

  5. Cachorro, hai cambiato pusher e quello nuovo è un fenomeno!!!
    Quoto :
    “Quello che i voti di chi ha fatto la mia scelta hanno ottenuto, invece, è di portare a compimento dopo decenni il progetto della P2.”
    Analisi autocritica impietosa, anche al di là della buona fede tua e di chi ha votato come te, per poi concludere con……
    “Vabbè, pazienza, prima o poi doveva succedere. ”
    Ma cooome? P2 there’s a party???
    Un abbraccio (siamo tutti nella stessa merda) BArd

  6. “Non mi pento, i Pecorari non potevano pretendere un voto motivato da altro che compassione. ”

    eh, è il motivo per cui ho votato SA, e non è servita, ma alla fine forse è stato meglio così, lo leggevo sul manifesto: cosa sarebbe successo se avessero superato la linea di galleggiamento (nella merda, of course)?
    Se con un 4-5% striminzito (risultato comunque catastrofico) fossero entrati in parlamento avrebbero capito lo stesso che sarebbe stato comunque il momento di levarsi dai cogl….ehm, di avviare una fase di profondo rinnovamento?

  7. un po’ di sane pomodorate a grillo ?
    O lo fate leader della sinistra extraparlamentare che parla di stupefacenti e operai solo durante le elezioni, o invece tirargli dei pomodori può essere un bello sfogo.

  8. La Vera Sinistra è nata fra le Masse, fuori del Palazzo … e colà è tornata. Con il suo stesso “MenoPeggismo” la Sinistra Arcobaleno si è politicamente suicidata, crogiolandosi nell’ Illusione che i suoi Leader fossero dei Re Mida che facessero diventare “di Sinistra” tutte le loro politiche di “Destra” mandate giù “perché sennò oddio-oddio torna Berlusconi”.

    Quando un Oppresso subisce una Mazzata non si pone scrupoli se il Bastone era stato impugnato con la Mano Destra o con la Mano Sinistra.

    L’ Epopea del “Contrordine Compagni” era già finita da un pezzo, ma i Politicanti “de Sinistra” non hanno saputo capirlo.

    Fuori dal Parlamento, avranno cinque anni per rifletterci su, e forse (!) capiranno.

    Io, almeno, la vedo così.

  9. io, che sono coordinatore giovanile del PD balduina, non credo affatto di essere una persona di centro.
    occhio ai giudizi veloci.
    enrico

  10. ma se è per questo il pd non è neppure un partito, è un contenitore.
    Queste elezioni le ha vinte la Lega, e le ha vinte perchè è l’ultimo partito rimasto a offrire identità.
    Tutta la storia dell’immigrazione, de “le tematiche”, è un cumulo di fandonie.
    La Lega vince perchè ha offerto prima degli altri “il nuovo modello”.
    a) identità territoriale anzichè di classe. Un territorio si autodifende meglio di una classe? Nel mondo della globalizzazione sì.
    b) offre senso
    Bossi è l’ultimo dei Capi. E’ l’ultimo a poter dire: DOVETE fare così, anche se non capite.
    Gli altri “leaders” non oserebbero, prima guardano i sondaggi e poi dicono quello che la ggente vuole sentirsi dire. In poche parole: non hanno un popolo, Hanno “l’opignonepubblica”, roba che dura lo spazio di un mattino, il tempo di un cambio di marketing.
    Hanno voluto così, dicevano che era un progresso.

    In una società dove i valori dominanti sono di destra, ti stupisci che vinca la destra? Se, come dice Vendola -non è scemo ‘sto tizio- “la tua vita è narrata dalla destra” il tuo immaginario si conforma.
    Come i bambini negri usa degli anni ’70 che si disegnavano bianchi dopo una buona dose di telefilm.
    Salutatemi gli operai.
    ciao ciao
    uai

  11. ciao UAI

    guarda, purtroppo sono d’accordo con te, non mi stupisco che vinca la destra, perchè hai ragione quando dici che nella nostra società i valori dominanti sono di destra, l’unica cosa su cui non ho capito se siamo d’accordo o no (capiscimi, l’ora…) è la storia dell’immigrazione: sono fandonie quelle della Lega sull’emergenza e sull’invasione o sono fandonie quelle sul fatto che sia stato questo tema uno dei motivi di successo della Lega (e della Destra in generale?)

  12. E’ una fandonia che la Lega abbia vinto per una tematica o l’altra.
    Anche altre forze sbandieravano le stesse scemenze e anche peggio (Forza Nuova: “l’umano rimpatrio”, la Destra “prima gli italiani, ecc) ma non hanno avuto lo stesso appeal della Lega.
    Perchè?
    Perchè la ggente si sta confusamente rendendo conto che tutti i problemi discendono da un unico grande problema: la globalizzazione.
    Il crollo dei salari (sottrazione di quote di mercato dei paesi emergenti) la sicurezza (immigrati) perdita di potere d’acquisto, eccetera. Tutto per colpa della globalizzazione. E c’è un solo vero partito, da sempre, “no global” ed è la Lega, per la sua scelta territoriale localista compiuta 20 anni fa, per la sua opzione identitaria, per il suo “no” a tutto ciò che sapeva di
    straniero, e che negli anni ’90 sembrava amabilmente esotico alla sinistra, e ora si sta rivelando un incubo.
    Non credo l’avessero pensata -i leghisti sono mediamente meno preparati del resto del personale politico- ma l’hanno imbroccata lo stesso e adesso i ceti deboli, il “popolo” -il popolo non vota MAI per le èlites- stanno correndo sotto le bandiere verdi.

    ciao
    uai

  13. mah, non so, sono d’accordo e no, nel senso che mi sembra che invece tutte le forze che sono alla fine entrate in parlamento abbiano puntato sull’assioma criminalità=immigrati (clandestini), e ad essere premiati sono stati maggiormente gli originali (pdl e Lega) che le copie sbiadite (PD).
    Alla fine l’unica forza che non ha mai puntato su quello ha avuto un tracollo che si sente ancora l’eco del botto…

    sul radicamento sul territorio e sull’elitarismo che è diventata una malattia della sinistra degli ultimi anni invece siamo d’accordo

    cmq non è mai un solo fattore a determinare certi risultati eclatanti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...