IL CROLLO DEL SISTEMA

Lo scandalo che ha colpito il mondo del Calcio si sta allargando a macchia d’olio, coinvolgendo sempre più soggetti nello sport e in altri ambiti, quali la Politica, le Forze Armate, le Istituzioni.

Un autentico terremoto che avrà effetti devastanti sul Paese, paragonabili solo a un Berlusconi bis. Un giorno i libri di storia ricorderanno così questi terribili giorni:

"Tutto iniziò con le intercettazioni telefoniche relative ad un’inchiesta sugli arbitraggi e sulla GEA, una società di procuratori gestita da alcuni noti "figli di papà" che gestiva -almeno formalmente- gli interessi di un enorme numero di calciatori e allenatori di serie A.

Dalle intercettazioni emerse che Luciano Moggi e la dirigenza Juventina controllavano di fatto il mondo arbitrale tramite pressioni e regalie, che attraverso questo sistema di potere che avevano creato influenzavano pesantemente i risultati dei campionati e delle elezioni dei dirigenti della Lega e della FGCI, mantenendo così una sorta di monopolio dell’asse Juventus-Milan sul Calcio Italiano. Inoltre questo "potere" veniva esercitato anche attraverso e a beneficio della GEA, controllata fra gli altri inizialmente dai figli di Cragnotti e Tanzi (noti bancarottieri e truffatori che incidentalmente avevano usato anche il mondo del calcio per i loro magheggi), poi dal figlio di Moggi, dalla figlia di Geronzi (capoccione di Capitalia, altro bel covo di manigoldi che governano un bel pezzo del Calcio) e dal figlio di Lippi. La GEA era diventato un altro centro di potere che grazie al controllo esercitato da Moggi senior sul campìonato, faceva ottimi affari con i suoi giocatori e allenatori, che venivano talvolta "imposti" alle squadre di calcio, talvolta "spinti" a determinati comportamenti per favorire cessioni e ritocchi di ingaggio (con conseguente ritocco della percentuale che andava in tasca alla GEA).

A questo sistema contribuivano in maniera determinante giornali e TV, i cui opinionisti, in parte perchè regolarmente retribuiti, in parte perchè erano semplicemente dei leccaculo, gettavano fumo negli occhi del pubblico perchè tutto ciò non emergesse, se non dalle denuncie isolate delle poche squadre non complici e di pochi giornalisti-tifosi di queste squadre, che venivano tacciati di essere "piagnoni" e regolarmente massacrate poi sul campo.

Emersero anche contatti con il mondo Politico, ministri che chiamavano Moggi e le altre persone coinvolte per avere favori per le squadrette loro e dei loro amici degli amici.  [la cosa tragica è che fino a qui è tutto vero – n.d.r.]

Si scoprì che Moggi arrivava ad influenzare anche la politica Italiana, come era evidente dal decreto spalma-debiti varato dal Governo Berlusconi e da altre leggi delle quali oltre a beneficiare il Milan del Berlusca, beneficiò anche la Juventus.

Persino la Politica Mondiale finì nelle sue mani, infatti venne intercettata una telefonata fra Moggi e Bush nella quale Lucianone prometteva al presidente U.S.A. una Grande Punto in cambio dell’invasione dell’Iraq e dell’Afghanistan, allo scopo di far lievitare il costo del petrolio e avere più soldi da Saadi Gheddafi, divenuto in quel periodo proprietario di una parte delle azioni della Juve. Bush, essendo anche lui petroliere, accettò con entusiasmo, organizzando il falso attentato del 11/9 come pretesto, ben sapendo che tanto le spese le avrebbe poi coperte con i guadagni futuri.

Fu così che nacque anche la "coalizione dei volenterosi", sempre messa insieme dal Lucianone nazionale, che coinvolse la Spagna di Aznar in cambio del prestito di Maresca al Siviglia, il Portogallo in cambio di Miccoli al Benfica, ,mentre la Gran Bretagna aderì perchè Moggi ancora avanzava un credito per aver dato Henry per due lire all’Arsenal.

Giorno dopo giorno, intercettazione dopo intercettazione Moggi accumulava capi di imputazione, arrivando a collezionare più ergastoli di Provenzano, fino a quando non ci si chiese se non si fosse meritato il posto di Senatore a Vita, una volta che Andreotti o Cossiga l’avrebbero lasciato vacante.

Intanto la rabbia montava in Italia e nel resto del Mondo, le malefatte di Moggi e della sua cricca, ormai divenuta internazionale, erano sempre più grandi ed odiose, nonostante Lucky Luciano fosse stato costretto ad entrare in clandestinità e a rifugiarsi nelle campagne di Ceppaloni, nascosto da Clemente Mastella: fecero bombardare il Taj-Mahal per rappresaglia dopo che il pilota indiano (ex F1) Karthikeyan impedì un sorpasso a Furpio Elkann (il fratellino più piccolo) impegnato con la sua FIAT Scrondo nel monomarca omonimo, truccarono le elezioni del Conclave tenutosi dopo la morte di Benedetto XVI facendo salire al soglio pontificio Pasquale Bruno con il nome di "Fetuso I", provocarono la morte di milioni di persone in Africa per aver mandato come aiuti umanitari i medicinali scaduti della Farmacia della Juve in 60 paesi, fecero dare un Oscar all’opera prima di Emanuele Filiberto di Savoia "Non fare un cazzo e amare phonarsi" e via dicendo….

La misura era ormai colma, cominciarono i primi episodi di violenza, il Presidente della Lazio Claudio Lotito venne brutalmente aggredito a colpi di cambiali scadute e dovette scappare dalla città, i cittadini romani non potendo più sopportare un Sindaco juventino, deposero a zoccolate sugli zigomi il neo-riconfermato Veltroni per sostituirlo con Sabrina Ferilli, gli operai della Fiat vennero messi tutti in cassa integrazione e insorsero al grido di "mo’ve ce mettemo noi nella cassa" mettendo a ferro e fuoco St. Moritz dove era in vacanza la famiglia Agnelli al completo.

La situazione internazionale precipitò definitivamente ai Mondiali di Calcio del 2007 nelle isole Far Oer (dovevano essere nel 2006 in Germania, ma piano piano tutte le maggiori federazioni Europee e Sudamericane risultarono coinvolte nelle trame di Moggi e radiate dalla FIFA, che poi venne a sua volta commissariata per corruzione), quando durante la Semifinale USA – Bahrein non venne dato un colossale rigore alla nazioale araba e tutti pensarono "Oh, no, ANCORA!!!".

Rivolte violentissime scoppiarono in tutto il mondo, il Presidente degli USA Bush, il suo vice Cheney e tutto il loro staff (compresa quella faccia da pitbull della Rice) dovettero scappare a bordo dello "Space Force One" sulla Luna, dove vennero colti dallo sconforto e si suicidarono in massa perchè credevano che l’aspetto della Luna dipendesse dal fatto che c’era qualcuno che bombardava meglio di loro.

In breve tempo tutti i governi vennero rovesciati, i sovrani abbattuti, la gente scese in strada felice perchè si stava riprendendo ciò che amava, il Calcio, e lo poteva finalmente riportare alla sua dimensione più pulita: un gioco da fare in strada, fra amici, senza Sky o arbitri corrotti.

Solo che come in ogni partita capita che si possa litigare, e allora "era dentro, era fuori, era mia, era tua….." ricominciarono un po’in tutti i campetti del mondo liberato violenti litigi che degenerarono in risse, che a loro volta degenerarono in stragi, provocando così il definitivo crollo della civiltà umana, e la ascesa definitiva della civiltà libera dal calcio e dedita al Culto del Badmington."

Ok, forse facciamo in tempo a salvarci, possiamo ancora sperare che l’Italia venga commissariata e affidata ad un curatore fallimentare magari Svizzero, in attesa di nuovi acquirenti…..

—————————————–

A proposito, vi segnalo una bella e completa analisi dello scandalo Moggi-GEA-Juve al sito www.altrenotizie.org : http://tinyurl.com/flee6

Annunci

5 risposte a “IL CROLLO DEL SISTEMA

  1. Io sono rassegnato alla B da giocare con la primavera…(e ci sta anche bene)….ma mi è venuto un dubbio atrroce: Se Gigi Buffon, che quadagna 5 mil. di evri l’anno ha bisogno di andare a scommetterne 100mila a settimana… Quanto cazzo pretende, per un pompino, la Seredova??

  2. Pensa che Rooney, che guadagna anche più di Buffon pare ci si stia rovinando con le scommesse….
    Non c’è da stupirsi, in fondo sono solo dei ventenni idioti a cui mettono in mano un sacco di soldi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...